Nel pomeriggio di ieri, la competente Struttura regionale ha assunto, su impulso del presidente della Regione quale autorità di Protezione civile territoriale, un’iniziativa organizzativa finalizzata a scongiurare il rischio di mancato presidio delle attività di pubblica utilità del Centro funzionale e della Sala operativa della Protezione civile regionale.

Ciò in ragione dell’imminente scadenza dei rapporti di lavoro dei soggetti preposti all’esercizio delle funzioni di allerta meteo e monitoraggio dei fenomeni calamitosi potenzialmente impattanti sull’incolumità della popolazione, oltre che di gestione delle situazioni di emergenza e criticità riconducibili a genesi diverse.

L’operazione straordinaria si è resa necessaria nelle more del completamento delle già programmate procedure selettive, finalizzate a reperire, attraverso pubblico concorso, le necessarie professionalità altamente specializzate nella materia per strutturare stabilmente l’organizzazione della fondamentale funzione di presidio del territorio.

Tra l’altro, sarà possibile gestire, con la massima efficacia, anche l’intervento cooperativo della Regione Molise in aiuto della popolazione albanese di Durazzo, colpita dalla recente sequenza sismica.