di Don Emilio Cioffi

Come sempre, in giro si sente solo dire che si stava meglio prima, quando non c’era la tecnologia. Tutto si svolgeva con carta e penna e si facevano i calcoli contando con le dita della mano. Oggi purtroppo la troppa tecnologia ci sta divorando piano piano il cervello, ma soprattutto ci porta ad allontanarci dal rapporto umano. Lo stesso linguaggio è cambiato, se prima ci si salutava con un bel caldo “ciao“ oggi ci si saluta con un freddo “whatsapp“, il calore umano non penetra più in nessun cuore. L’intelligenza artificiale si vuole sostituire alla ragione umana e ai nostri cinque sensi. Chiediamoci amici tutti, se in noi c’è rimasto qualcosa che viene da Dio! Forse la paura di non essere amati da Lui? se così è torniamo ad essere umani che sanno condividere il pianto, la gioia, il conforto e la dolcezza della preghiera e sicuramente non ci sentiremo “macchine umane” manovrate dai diabolici colossi mondiali!
Buona giornata. Vi abbraccio e vi benedico. Amen.

Articolo precedenteVisita didattica degli studenti del Liceo Scientifico Giordano di Venafro allo Stabilimento Colacem di Sesto Campano
Articolo successivoGrande successo per La “Settimana Rosa” in occasione della Festa della Mamma. L’Asrem amplia l’offerta con nuovi appuntamenti