Si terrà, sabato 26 ottobre, alle ore 18.30, presso il Museo di Lucito, la Lectio magistralis di mons. Pasquale Maria Mainolfi su “Uomo, Dio e lavoro contadino”. Un appuntamento da non perdere per scoprire o riscoprire alcuni degli aspetti inediti del nostro patrimonio culturale, della nostra identità, della nostra storia e del legame che c’è tra Dio e la terra.

Mons. Pasquale Maria Mainolfi è il quinto di sette figli. Ha alle sue spalle una prestigiosissima carriera accademica. Ha fatto gli studi classici al seminario di Benevento dove ha concluso anche quelli filosofici e teologici. Gli studi accademici li ha svolti presso la pontificia facoltà teologica dei padri Gesuiti di Posillipo. E’, tra le altre cose, laureato in pedagogica. E’ Oratore e conferenziere.

Tra le altre cose è stato cancelliere, poi Difensore del Vincolo e infine Giudice Istruttore presso il Tribunale Ecclesiastico interdiocesano e d’appello beneventano. Assistente Ecclesiastico della F.U.C.I., Responsabile della Pastorale Universitaria in Benevento, Assistente dell’associazione “Sacra Famiglia”e dell’Istituto Secolare delle “Missionarie della Regalità di Cristo”, Responsabile Regionale degli Istituti Paolini “Gesù Sacerdote” e “Santa Famiglia” e Consigliere Nazionale dell’Istituto “Gesù Sacerdote”. Dal 04.12.1997 Cappellano Magistrale del Sovrano Militare Ordine di Malta. Cappellano di Sua Santità dal 10.07.1998. Delegato Arcivescovile per il grande giubileo dell’Anno 2000, per l’Anno Bartolomeano e del discepolato 2001-2002 concluso dal Card. Crescenzio Sepe, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, dell’Anno Eucaristico 2002-2003 e del Primo Congresso Eucaristico della Chiesa Beneventana concluso dal Card. Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, dell’Anno Benedettino 2003-2004 concluso dal Card. Zenon Grocholewski, Prefetto della Congregazione per l’Educazione Cattolica e dell’Anno Januariano 2004-2005 concluso dal Card. Renato Raffaele Martino, Presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace e del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti. Il 19 marzo 2003 è stato nuovamente nominato Membro del Consiglio Presbiterale e dal 27 marzo 2003 scelto all’unanimità e nominato Segretario del Consiglio Presbiterale per il quinquennio 2003-2008. Direttore dell’Ufficio Cultura e Pastorale Universitaria dell’Arcidiocesi di Benevento, direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Redemptor Hominis” e Viceprefetto dello Studio Teologico “Madonna delle Grazie”, affiliati al Pontificio Ateneo “Antonianum” di Roma, presso i quali insegna anche Teologia Morale e Teologia Dogmatica. Presidente del Comitato Etico della Provincia di Benevento. Attività di pubblicista: Iscritto all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 25.02.1989. Scrive su “l’Osservatore Romano”, “Avvenire”, “Realtà Sannita”, “Tempi Nuovi”, “Chiesa informa”, “Benevento”, sulla rivista di cultura e politica scolastica “Scuola cattolica”, su “I Quaderni Casa Sollievo della Sofferenza”, dirige la Collana “Quaderni dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose Redemptor Hominis” e diverse riviste

Ad introdurre la lectio di don Pasquale sarà il prof. Nicola Tomasso, direttore onorario del Museo di Lucito, professore di Teologia al penitenziario di Larino, nonché vicesindaco di Montagano. Al prof Tomasso, va rivolto un ringraziamento speciale per aver organizzano questo un evento di così grande rilevanza e importanza.

Per i saluti finali è previsto l’intervento di Christian Agricola, fondatore e titolare del Museo di Lucito. Agricola, imprenditore affermato e molto conosciuto, ha deciso nel 2015 di ristrutturare un’antica casa rurale di fine ‘700 per conservare i ricordi dell’antica civiltà contadina. Ha realizzato un progetto di grande valore storico-culturale che mira a ridare slancio ai piccoli borghi molisani che possono diventare, in questo modo, un punto di attrazione per i turisti. Il museo ha aperto dopo aver ottenuto un finanziamento europeo nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013. Christian Agricola è stato insignito, il 27 giugno 2019, dal cardinale Edwin Frederick O’Brien, con l’onorificenza di Cavaliere L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Paeliamo di un ordine cavalleresco cattolico, sotto forma di associazione pubblica di fedeli della religione cattolica, di subcollazione (ossia concesso per delegazione) dalla Santa Sede e avente personalità giuridica canonica e civile. Legato alla basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme, proprio perché di subcollazione pontificia, può definirsi come la sola istituzione laicale della Santa Sede incaricata di sopperire alle necessità del Patriarcato Latino di Gerusalemme e di sostenere le attività e iniziative a favore della presenza cristiana in Terra Santa. Il Patriarcato ha quindi come principale fonte contributiva istituzionale le oblazioni erogate dai Cavalieri e dalle Dame dell’Ordine.

mons. Pasquale Maria Mainolfi
Cav. Christian Agricola – fondatore e titolare del Museo di Lucito