E’ di queste ore la notizia della firma da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e della conseguente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, del decreto legge per la tutela del lavoro e la risoluzione delle crisi aziendali.

Con questo provvedimento si introducono tutele per i rider e i lavoratori della gig economy, anche attraverso il riconoscimento di maggiori diritti in materia di malattia, ricovero e congedi di maternità-paternità.

Inoltre, il decreto interviene anche sulle aree di crisi complessa di Termini Imerese, Isernia e Sardegna. Della firma del Capo dello Stato si dichiara molto soddisfatta Rosa Alba Testamento, Portavoce molisana del MoVimento Cinque Stelle alla Camera dei Deputati.

“Si tratta – spiega Testamento – di un passaggio importantissimo per molti lavoratori della Provincia di Isernia, soprattutto per quelli dell’ex stabilimento Ittierre, che grazie alla norma contenuta nell’articolo 10 del decreto pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale potranno usufruire dei nuovi fondi destinati alla mobilità in deroga.

Nell’articolo in questione, infatti, viene garantito a tutte le maestranze dell’ex azienda tessile di Pettoranello il requisito della continuità tra il precedente trattamento di mobilità in deroga e quello previsto nell’ultima legge di bilancio, condizione indispensabile per poter accedere ai nuovi fondi.

Questa notizia arriva dopo l’accoglimento nei mesi scorsi da parte del Governo di ben due ordini del giorno a mia prima firma sull’argomento, cui poi ha fatto seguito un’interlocuzione costante col Ministero del Lavoro e l’invio, a fine maggio, di una mia proposta normativa integralmente ripresa appunto nell’articolo 10.

Nonostante la crisi di Governo provocata dalla Lega, ora per fortuna risolta, che ha rischiato di bloccare molti provvedimenti, tra cui questo, noi non ci siamo mai arresi e abbiamo sempre continuato a lavorare per concludere il lavoro svolto e portare a casa il risultato.