Lo zuccherificio di Termoli potrebbe bloccare la produzione per un anno, a causa della mancanza di barbabietole da zucchero.

La societa’, tutta in mano alla regione Molise dopo la nuova ricapitalizzazione, deve decidere se produrre, ancora una volta, in perdita o mettere i 100 dipendenti in cassa integrazione e avviare una profonda ristrutturazione degli impianti. La decisione e’ condizionata dal rifiuto delle aziende agricole di affrontare una nuova semina senza aver percepito le pendenze pregresse (circa 7 milioni di euro). Al momento sarebbero solo 6mila gli ettari coltivati a barbabietole tra Molise e nord della Puglia, mentre ne occorrerebbero almeno 13mila per rendere remunerativa la lavorazione. Resta, pero’, da affrontare anche il problema della quota produttiva, che potrebbe essere assegnata ad altri impianti. Ogni decisione sul futuro dello zuccherificio di Termoli e’ rinviata alla fine di aprile, quando sara’ presentato il nuovo piano industriale.
Agi.it
Articolo precedenteRagazzo vende un rene per comprarsi l’iPhone
Articolo successivoPasqua, festa nel segno della crisi. Vacanze brevi, bene l'agriturismo