TERMOLI. Avviata questa mattina la procedura di licenziamento dei 69 dipendenti dell’ormai ex Zuccherificio del Molise.

Dopo una lunga protesta ai cancelli aziendali, fatta di attese e speranze a partire dallo scorso 25 settembre, è stata inviata stamane dal curatore Placido Ciccone la comunicazione indirizzata alle sigle sindacali, alla Regione Molise e al direttore territoriale del lavoro, con la quale si da attuazione all’intervento.

La procedura interesserà un dirigente, venti impiegati e 48 operai che dopo le opportune pratiche burocratiche, avranno accesso alla mobilità a partire dai prossimi giorni.

La procedura è risultato di diversi tavoli di confronto che hanno evidenziato l’esigenza di trovare una soluzione che, seppur non sia stata definita quale una vittoria dagli stessi referenti sindacali, rappresenta una spinta all’impegno per la regione e il Governo centrale a trovare nuove soluzioni nell’ottica di un possibile reinserimento dei lavoratori.

Dai tavoli citati è stato più volte dichiarato l’impegno a intraprendere tutte le azioni per permettere a questi lavoratori di trovare da un lato occupazione e dall’altro di avviare una concreta formazione volta anche a incrementare lo stipendio che a breve subirà una sensibile decurtazione.

La decisione era stata anticipata ai referenti sindacali e agli stessi lavoratori lunedì scorso a seguito di un incontro con il curatore fallimentare Placido Ciccone. (Fonte termolionline)

 

Articolo precedenteVenafro in lutto – Sgomento e costernazione per il Gruppo Scarabeo e la famiglia Zullo per la scomparsa del caro Loreto Zullo
Articolo successivoMolise Acque bilanci in perdita, i comuni non pagano, ma dal 2017 si cambia registro.