Oggi si festeggia Santa Barbara, protettrice del Corpo dei Vigili del fuoco. Ritorno qui, presso il Comando provinciale di Isernia, nel doppio ruolo di rappresentante istituzionale e di figlia.

Non è stata una semplice formalità di rito quindi ricevere l’onoreficenza che il comando ha voluto riconoscere a mia madre per il lodevole servizio svolto in questi 42 anni e che ovviamente mi riempie di orgoglio. Ho letto, non senza un pizzico di commozione, la lettera di ringraziamento che lei ha voluto scrivere ai colleghi e io stessa ho voluto ringraziare tutti i Vigili del fuoco che quotidianamente e con sacrificio svolgono il lavoro spesso senza clamore, schiamazzi o esibizionismi. In silenzio, con dignità, quasi sempre senza pretendere le doverose gratificazioni, anche economiche, che spetterebbero loro.

Per questo ho inteso condividere con piacere la presa di posizione dei sindacati in merito alle modifiche da apportare alla manovra di Bilancio per dare maggiore dignità ad un Corpo che è parte integrante e decisivo del sistema di Protezione civile nazionale. Penso all’equiparazione agli altri corpi dello Stato dei livelli retributivi, normativi e previdenziali. Penso all’immediata riapertura del riordino delle carriere per dare una risposta ai tanti che si sentono giustamente penalizzati.

Buona Santa Barbara!