Gli interventi per il dissesto che interessa la Fondovalle Tappino nel tratto ricadente nel territorio del comune di Pietracatella gravato da un importante movimento franoso, le nuove risorse appostate per la manutenzione viaria e la condivisione delle opere stradali funzionali allo sviluppo del Molise: “Di tutti questi temi abbiamo discusso in maniera propositiva con il presidente dell’Anas, Gianni Vittorio Armani”.

Così il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, sull’incontro che si è tenuto nel pomeriggio di ieri a Riccia convocato per analizzare l’emergenza che investe da tempo l’arteria che collega Campobasso a Foggia. “Un confronto costruttivo – prosegue il presidente –, che ha fatto emergere la qualità delle scelte che abbiamo messo in campo”.

Presenti alla riunione l’assessore regionale alle Infrastrutture Pierpaolo Nagni e numerosi amministratori locali della provincia di Campobasso e della provincia di Foggia. Armani ha annunciato che sarà realizzata una variante che consentirà di bypassare l’area interessata dallo smottamento. A riguardo, sono già state ultimate le attività di rilievo topografico e si stanno completando i sondaggi geognostici, nei prossimi mesi si passerà alle fasi di progettazione e realizzazione dell’opera.

La presenza dei vertici dell’Anas in Molise è stata anche l’occasione per confermare gli impegni contenuti nel Contratto di programma 2016-2020: progetti per 322 milioni di euro destinati non solo alla manutenzione ma anche a diversi altri interventi.

“È la conclusione di un lavoro condiviso costruito con Anas e programmato a monte con il Ministero delle infrastrutture – fa notare Frattura –. Nei confronti del Molise oggi vantiamo un’attenzione che negli anni passati, come ha rimarcato a Riccia lo stesso presidente Armani, oggettivamente non c’è stata.

Stando ai numeri, Anas ha investito, solo in termini di manutenzione della nostra viabilità regionale, 4 milioni di euro nel 2012 e 4 milioni nel 2013. Oggi prevede per i prossimi tre anni interventi di manutenzione pari a 159 milioni”.

Frattura durante l’incontro ha ricevuto i complimenti di Armani per il “grande coraggio politico” dimostrato con la rinuncia al progetto dell’autostrada Termoli-San Vittore sostituito da un progetto considerato anche da Anas più funzionale alle esigenze del Molise.

“È una bella soddisfazione – ammette il presidente della Regione –, vedersi riconosciuta la qualità delle scelte che il nostro governo e la nostra maggioranza insieme hanno messo in campo per il bene del Molise e dei molisani”.

“La Termoli -San Vittore – ricorda –, è esistita solo nel nome, ma mai poi è stato approvato un tracciato che collegasse le due autostrade, A1 e A14. Si è sempre lavorato in termini di un progetto preliminare che prevedeva il collegamento tra Guardiaregia e San Vittore: questa è la verità che va detta ai nostri cittadini”.

“Un primo lotto funzionale – è la puntuale ricostruzione di Frattura –, che nei fatti riguardava solo 34 chilometri da Guardiaregia a Castelpetroso, con la previsione di un pedaggio, secondo il programma finanziario, di 20 centesimi al chilometro, tre volte superiore a quello previsto nelle altre autostrade italiane.

Noi invece abbiamo rilanciato, immaginando un collegamento senza pedaggio da Mignano Montelungo, con un casello intermedio tra San Vittore e Caianello, fino alla variante di Venafro. Questo per noi significa dare ai cittadini molisani una viabilità utile e funzionale e oggi anche l’Anas ce l’ha ancora una volta riconosciuto”.