Problemi analoghi anche sull’adiacente Via Caserta sempre al rione Mercato, ”il salotto buono” del centro storico

Da una signora di Venafro, residente in via Milano al rione Mercato, il cosiddetto “salotto buono” della città antica, perviene la seguente osservazione : “Il verde è salutare e bello ma se ben tenuto, ossia potato, curato e tale da non invadere le proprietà private arrecando problemi alla gente. Se invece i magnifici lecci al Mercato vengono fatti crescere a dismisura senza potarli per anni, come in atto in via Milano, accade che invadano le proprietà private arrecando difficoltà a noi residenti. Per la conferma di quanto affermo all’unisono con gli altri abitanti della zona, si venga in via Milano, giusto alle spalle della Casa Municipale di piazza Cimorelli.

Quartiere particolarmente bello nel suo insieme tra Torre Medievale, accogliente piazza Vittorio Veneto col Monumento ai Caduti e suggestiva scacchiera in pietra, Monumento alle Bandiere in piazza Cimorelli e tanti storici lecci ad abbellire e portare benessere salutare. In via Milano però tali alberi vengono lasciati crescere a dismisura, senza potarli da anni. Ne consegue che sono diventati  enormi ed invasivi, con rami e fogliame che ostruiscono le strade e le nostre proprietà private”. Cosa suggerisce all’amministrazione municipale ? “Di potarli e contenerli nella loro espansione -aggiunge la donna- in modo da non arrecarci problemi. Il verde è bello e salutare, i lecci al Mercato sono bellissimi, ma vanno ben tenuti.  Questo non accade in Via Milano e la stessa cosa si verifica in via Caserta, strada su cui si immette via Milano. Anche lì lecci enormi, addirittura ad ostacolare la marcia dei mezzi pesanti su gomma che transitando abbattono rami e fogliame arrivati sulle strade ! No, non è esattamente così che si tiene il verde pubblico, che è un bene di tutti se ben  curato, diversamente diventa un problema per tanti !”.

Articolo precedenteGiornata contro la violenza sulle donne, convegno alla scuola Allievi Carabinieri di Campobasso
Articolo successivoGiuditta Lembo demolisce l’inconcludente Filomena Calenda