Le dichiarazioni dell’organizzatrice e proprietaria della Dimora, Sig. Dorothy Volpe Del Prete

Organizzato dall’associazione Venafro Antica e dalla Pro Loco, il 18 settembre prossimo si svolgerà il X° Concorso estemporaneo di pittura presso la Dimora Storica Del Prete di Venafro. Ne parla la stessa proprietaria della Dimora che ospita, Sig.ra Dorothy Volpe Del Prete : “L’estemporanea di pittura -afferma la donna- si svolgerà nel centro storico di Venafro con l’intento di valorizzarne gli angoli più suggestivi. Il concorso è aperto a tutti ed ogni artista potrà parteciparvi con un’opera su fondo neutro di misura non inferiore a cm. 20×30 e non più di com. 50×70 eseguita con qualsiasi tecnica e tipo di supporto”.

Il prosieguo della promotrice: “Alcuni membri dell’associazione vigileranno affinché le opere siano realizzate nel luogo prescelto, pena l’esclusione dalla gara. La mattina della manifestazione dalle ore 8.30 alle h 10,30 in piazza Cimorelli si procederà alla registrazione e alla timbratura della tela. Il timbro dell’associazione posto sulla parte posteriore del supporto non dovrà risultare coperto  da segni o colore. Alle h 17.00 conclusa la fase elaborativa dell’estemporanea, gli artisti consegneranno le loro opere non firmate nella sede comunale di piazza Cimorelli e la giuria tecnica inizierà la fase di valutazione per poi procedere alla premiazione dei vincitori”. Quindi le conclusioni : “La proclamazione dei vincitori e la premiazione avverrà il giorno stesso,h 18.30. Le opere rimarranno esposte e sarà possibile proporne la vendita per un periodo di 15 giorni”. Per partecipare all’estemporanea è necessario prenotarsi telefonando ai numeri 329/6939118 (Dorothy Volpe Del Prete) o 3479126563 (Maria Cristina Carbonelli) sino al 10 settembre prossimo. La quota di iscrizione è di cinque euro. Alle h 12.30 del giorno concorsuale sarà offerto uno spuntino ai partecipanti all’estemporanea. I premi – informano gli organizzatori –consisteranno in ricchi cesti di prodotti locali.

Articolo precedenteN.O.I., la Nuova Orchestra Italiana, torna in Molise
Articolo successivoPolitiche e indennità: nuovi paperoni del Molise. Ecco chi potrebbe percepire oltre 20mila euro al mese se eletto onorevole