I lettori osservano, riflettono e trasmettono foto e riflessioni ai media molisani perché anche gli altri si soffermino a pensare. “La particolarità di queste due foto ferragostane che mostrano Corso Campano di sera praticamente deserto di persone ed auto -è l’incipit di un lettore cui ha fatto piacere far pervenire in redazione le foto allegate di Corso Campano- è nel ripensare e “rivedere” sul corso, così come avveniva un tempo, famiglie che riconquistano i luoghi storici di Venafro. Viceversa al centro della città è solitamente tutt’altro ! E’ invece bello ripensare e “rivedere” le usanze di un tempo, con minori, papà e mamme tranquillamente a passeggiare, ad intrattenersi nel centro cittadino senza pericoli di sorta e in tutta spensieratezza. Certo oggi le situazioni, le attività e la realtà sono tutt’altre, ma non dispiacerebbero maggiore tranquillità e sicurezza per tutti e h 24 negli abitati cittadini. Perciò l’augurio sincero a che il centro di Venafro torni presto a ripopolarsi di persone, attività ed interessi, non restando cioè un deserto assoluto serale come nel periodo ferragosto appena trascorso -situazione tra l’altro che non piace affatto-, ma che il tutto avvenga con civiltà, educazione e nel rispetto dei diritti di tutti, come si usa in comunità corrette e civili tra cui appunto Venafro.

Articolo precedenteIl Comune di Campobasso accanto ad Alesia 2007 per la rassegna “Vite in Volo”
Articolo successivoLiberaluna Onlus, “Viva Vittoria Campobasso”: il 20 agosto la presentazione del progetto