di Redazione

Installati sul territorio del paese altomolisano 3 defibrillatori. Il Comune ha promosso inoltre 2 corsi di primo soccorso a cui hanno partecipato 20 cittadini

Dal Comune di Vastogirardi perviene quanto segue, a testimoniare le attenzioni delle istituzioni verso la popolazione locale : “Sono a disposizione della cittadinanza e di tutti coloro che ne avranno eventualmente bisogno i 3 defibrillatori installati di recente a Vastogirardi. Tre dispositivi salvavita dislocati nelle apposite teche davanti al municipio del paese alto molisano e nelle frazioni di Villa San Michele e Cerreto, che rendono il Comune cardio-protetto. Un’iniziativa dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigino Rosato, che ha voluto anche promuovere la realizzazione di due corsi di primo soccorso BLS (basic life support) e BLSD (basic life support defibrillation) durante i quali formatori esperti hanno insegnato ai cittadini partecipanti ad utilizzare i defibrillatori e a svolgere le manovre necessarie per intervenire in caso di possibile arresto cardiaco. «Intervenire in tempi rapidi in caso di bisogno può essere fondamentale per salvare la vita delle persone. Con i defibrillatori e l’impegno di cittadini che ora sanno come utilizzarli, Vastogirardi è un paese più sicuro e più vicino al benessere dei suoi abitanti», ha sottolineato il sindaco Luigino Rosato.  Le lezioni si sono svolte in due giornate, il 10 febbraio nell’ex edificio scolastico di Villa San Michele e il 17 febbraio nella sala consiliare del Comune di Vastogirardi. Venti persone hanno voluto prendere parte attiva ai corsi, cimentandosi in attività teoriche e pratiche relative alla catena della sopravvivenza, alla sicurezza ambientale e all’uso dei dispositivi di protezione, acquisendo nozioni sull’anatomia e la fisiologia umana e apprendendo come applicare manovre di riabilitazione cardio-polmonare, la posizione laterale di sicurezza, le manovre di disostruzione. Con il supporto di un manichino di ultima generazione, i partecipanti hanno potuto sperimentare quanto appreso, prima di ricevere una valutazione dell’attività svolta e il rilascio di una certificazione”. 

Articolo precedentePensiero del mattino – 7 marzo 2024. Solo alla morte non c’è riparo
Articolo successivoCampobasso aderisce al progetto “Passaporto benessere capitale salute” rivolto alle scolaresche.