di Redazione

“La cattedra inclusiva. Una nuova prospettiva dal dibattito aperto”, è il tema centrale del seminario che vede tra i relatori, oltre ai docenti UniMol Livia Petti e Filippo Bruni, Dario Ianes (già professore in Didattica e Pedagogia Speciale, Libera Università di Bolzano
autori di diverse pubblicazioni in materia di valori e policies dell’educazione inclusiva nelle istituzioni educative) e Evelina Chiocca, docente presso il nostro Ateneo nei Corsi di Specializzazione per le attività di sostegno.
L’occasione permetterà ai presenti di discutere e di riflettere sull’innovativa proposta di legge “Introduzione della cattedra inclusiva nelle scuole di ogni ordine e grado” presentata dal gruppo dei proponenti (di cui i due relatori fanno parte) a fine gennaio a Roma nello spazio europeo “David Sassoli”.
Questa prospettiva si pone l’ambizioso obiettivo di ripensare in modo profondo il concetto di inclusione scolastica promuovendo un ambiente di apprendimento olistico e adattabile alle esigenze di ciascuno studente. Infatti, secondo la proposta i docenti incaricati su posti comuni/disciplinari effettueranno una parte del loro orario di servizio con incarico su sostegno e analogamente, tutti i docenti in servizio con incarico su posto di sostegno effettueranno una parte del loro orario su posto comune/disciplinare in coerenza, ovviamente, con la loro classe di concorso. Tale modello educativo propone quindi una stretta collaborazione tra il corpo docente superando le consuete e marcate distinzioni tra insegnante curricolare e di sostegno.
Il seminario si rivolge, principalmente, studenti e studentesse, ai corsisti e alle corsiste dei Corsi di Specializzazione per le attività di sostegno oltre che a tutti i docenti interessati.
Articolo precedenteCGIL E UIL MOLISE : L’ENNESIMO INCIDENTE SUL LAVORO CONFERMA LE RAGIONI DELLO SCIOPERO DELL’11 APRILE
Articolo successivoAL TEATRO “IL PROSCENIO” DI ISERNIA IN SCENA LA COMMEDIA “MILLE GIORNI DI TE E DI ME”