“Del sogno della società multiculturale di una certa-sinistra rimane solo il business che ha arricchito poche persone che hanno destabilizzato una intera regione solo in nome del dio denaro. Bisogna avere il coraggio di rompere la cortina fumogena creata ad arte per spostare l’attenzione dal problema sociale scaturito da questa immigrazione incontrollata ad un inesistente problema razziale. Ora più che mai è doveroso chiedere a politica e istituzioni un impegno concreto per porre un argine a questa situazione divenuta già insostenibile”.

Articolo precedenteCapracotta, istituito il registro per le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento. Il sindaco Paglione: “È uno strumento di civiltà”
Articolo successivoVertenza “Aesernia S.r.l.”, incontro in Prefettura su richiesta delle Organizzazioni sindacali