In merito alla notizia di stampa di questi giorni, per cui il DURC negativo del
Comune di Isernia impedisce al momento l’espletamento dei servizi sociali, questo
Sindacato CISL FP, ricorda che con nota del 27.07.2021 e del 14.10.2021 aveva da
tempo sollecitato tutti i comuni della provincia di Isernia a regolarizzare la posizione
previdenziale dei dipendenti, atteso che, proprio da tale irregolarità deriva, ovviamente, il
DURC negativo per i comuni.
Precisamente, sin dal 2019 i comuni dovevano provvedere ad allineare l’imponibile
previdenziale da essi stessi certificato sul conto dei dipendenti per la liquidazione
pensionistica, con quello denunciato e pagato per ciascun anno di servizio.
Ciò, mediante l’invio all’INPS dei flussi telematici di variazione dell’imponibile
predetto o delle denunce previdenziali omesse/non risultanti (ad esempio DMA 770 e ruoli
previdenziali).
Purtroppo tale irregolarità contributiva è diffusa tra molti comuni e nello stesso Ente
Provincia di Isernia, ed il nostro intervento mirava a risolvere questa situazione, sia a
tutela dei dipendenti, sia a tutela degli Enti Locali stessi.
Continuiamo a sollecitare i suddetti adempimenti dei comuni, anche perchè
incombe la prescrizione dei diritti previdenziali lesi, al 31.12.2022 , per sistemare tutte le
irregolarità sino a quella del 2015, rimanendo la prescrizione quinquennale dal 2016 in poi,
salvo proroghe (Vedi Circolare INPS n. 25/2020).
Abruzzo Molise – Pescara
Pertanto, questo Sindacato rinnova la propria richiesta, di concludere al più presto
le operazioni di regolarizzazioni previdenziali dei propri dipendenti, che sono state
procedimentalizzate sin dal 2019 e, non solo per il Comune di Isernia, ma, come detto,
per la generalità degli enti Locali, tanto più per quelli, tra essi, che hanno urgenza di
ottenere il DURC regolare per poter svolgere i servizi sociali.
Questo Sindacato è a completa disposizione per eventuali supporti, a tutela dei
dipendenti e degli enti stessi.

Articolo precedenteLa Chaminade Campobasso: nuovamente riconosciuta dalla FIGC come Scuola Calcio Élite
Articolo successivoIl Cln Cus Molise conferma Debetio. “Pronto ad una nuova sfida, proveremo ad essere protagonisti”