di T.A.

Definita la scaletta della 40^ FESTA DELLA CROCE I VENAFRO, appuntamento socio/sportivo/religioso/ambientale del prossimo 1° maggio che da 40 anni si svolge sullo spuntone di roccia in cima all’altura che chiude, a Nord Venafro, appunto Monte Santa Croce, come in loco viene comunemente definito Monte Cerino. La ricorrenza  anche quest’anno è promossa ed organizzata dal Gruppo Amici di Santa Croce, in collaborazione con tanti altri comuni cittadini che offrono il loro apporto per consentire l’effettuazione della ricorrenza. Di seguito la scaletta della FESTA DELLA CROCE 2024, che taglia l’importate traguardo dei 40 anni. Alle ore 7.00 inizio della scalata e ognuno può scegliere il percorso più adatto al proprio stato fisico (giusto come cita la locandina dell’evento): ovvero salendo da Castello Pandone o da Conca Casale. Alle ore 11.00 è prevista la celebrazione della Santa Messa in quota, sul naturale altare di pietre in ricordo dell’artigiano venafrano Giovanni Valerio, che sarà celebrata da Don Vincenzo Frino, Parroco di Colli al Volturno. Alle ore 12.00 l’elezione di “Miss Santa Croce 2024” e la relativa premiazione. Alle ore 13.00 Spaghettata per tutti. Alle ore 15.00 intrattenimento con musiche, canti e giochi popolari fino alle ore 17.00 quando è previsto il rientro. Un appuntamento ideato per festeggiare la bella natura dell’estremo Molise dell’ovest e che resiste nel tempo grazie all’impegno e alla partecipazione di tanti. La festa avviene ai 750 l/m di quota, a ridosso di una imponente Croce metallica, i cui pezzi vennero portati in cima anni addietro da diversi venafrani, assemblata in loco ed ancorata alla roccia per mezzo di robusti tiranti di acciaio e illuminata nottetempo con apposito sistema affinché risplendesse sulla Piana di Venafro.

Articolo precedente“La cultura della pace”. Ricostruzione storica di eventi che hanno coinvolto soprattutto vittime civili. Il lavoro degli alunni dell’IISS di Bojano.
Articolo successivoLa Lega si divide anche sulla festa. Salvini insegue Bossi, ma i fedelissimi del Senatur organizzano un controraduno