di Readzione

Il 20 aprile alle 20, Iolanda Massimo, Paolo Bartolucci e Simone Sala in una imperdibile
serata di Grande Musica, a cura dell’Associazione ELEOMAI e con il Patrocinio del Comune di
Trivento .

Serata imperdibile a Trivento, il prossimo 20 aprile alle ore 20. Tre artisti Molisani di caratura internazionale come il soprano Iolanda Massimo, giovane triventina che sta imponendosi in Teatri e Festivals Lirici di grande caratura, il tenore Paolo Bartolucci, direttore artistico dell’Evento, con una carriera venticinquennale nel panorama operistico internazionale e Simone Sala, rinomato pianista, famoso per il suo eclettismo che lo porta a spaziare dalla Classica al Latin Jazz, dall’Opera al Pop sempre con grande successo di pubblico e critica, daranno luogo a “TRIVENTO IN MUSICA” un Concerto che sarà un vero e proprio viaggio nel repertorio Classico e Operistico passando per l’Operetta, la musica Vocale da Camera e la canzone Classica Napoletana, da sempre nei programmi dei grandi interpreti.
“TRIVENTO IN MUSICA”, Patrocinato dal Comune, nasce a cura dell’Associazione Eleomai Molise che, grazie alla dedizione del Presidente, Alfredo Romano, organizza eventi culturali di spicco in campo nazionale ed è già nota in Molise per aver promosso eventi di successo come il Musica Italia Grand Prize, svoltosi recentemente a Campobasso, e si propone di diventare una vera e propria Stagione che attiri a Trivento artisti di spicco. Tale esigenza, manifestata da un gruppo di persone ricco di energie e coordinate da Maria Ladomorzi, sta realizzandosi con il contributo di aziende molisane e triventine a cui sta a cuore la crescita socio-culturale del territorio.
Il Concerto sarà a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria sul sito www.eventbrite.it. Appuntamento dunque al Centro Polifunzionale Comunale di Trivento il 20 aprile 2024 alle ore 20.

Articolo precedenteI Borghi fantasma del Molise, tutti da scoprire
Articolo successivoTUTTI IN CAMMINO PER LA “MONTAGNA SPACCATA” TRA VENAFRO E CONCA CASALE, PERCORRENDO LO STORICO “TRATTURO DEI CASALESI”