Il sindaco di Pesche Ido De Vincenzi torna a trattare temi delicati. Il Consiglio comunale è stato convocato, in sessione straordinaria, in data 29-01-2018 alle 19.30 per discutere dell’istituzione di un registro per le disposizioni anticipate di volontà relative ai trattamenti sanitari previste dalla legge, recentemente approvata dal parlamento, sul testamento biologico.

A poco più di un mese dalla conclusione in Senato dell’esame della legge sul biotestamento, il Comune di Pesche potrebbe essere uno tra i primi Comuni della Provincia di Isernia ad introdurre il dibattuto registro Dat.

Decisamente in controtendenza rispetto alla linea seguita fin ad ora: ad aprile infatti, quando ci fu il via libera della Camera al ddl, i sacerdoti di Carovilli, Castropignano, Duronia, Pietrabbondante e Salcito fecero suonare le campane a morto in segno di protesta. Con questa iniziativa il Comune di Pesche ha superato l’inerzia istituzionale nel discutere di un problema che rappresenta una questione di civiltà.

Articolo precedenteRisultava intestatario di vetture mai acquistate, i Carabinieri di Castel San Vincenzo smascherano truffa
Articolo successivoCarabinieri sventano assalto con esplosivo al Postamat di Bonefro