In data odierna, a palazzo San Francesco, si è tenuta l’assemblea del personale, sollecitata da questi ultimi ed indetta da questo Sindacato CSA unitamente alla RSU. Amministratori e i dirigenti hanno disertato l’incontro.

Si è discusso su una lunga serie di problemi da noi definiti come latitanza ed inadempimenti contrattuali, posti in essere dall’Amministrazione Comunale e dai Dirigenti e più precisamente:

1. il Comune di Isernia non convoca un tavolo sindacale sin dal 29.04.2016 ed anche in quella sede, sebbene lo avesse convocato, si presentò senza un minimo di organizzazione e senza documenti e la riunione venne annullata;

2. non ha adottato il Contratto Decentrato Integrativo dell’area del comparto e dell’area dirigenziale e ciò in violazione del CCNL e del D. Leg.vo 150/2009;

3. non ha (ri)costituito il FONDO (salario accessorio spettante per legge e per contratto ai lavoratori) e quindi non sono state pagate le spettanze (turnazione, reperibilità, specifiche responsabilità, produttività ecc. ) ai lavoratori;

4. non ha adottato il Regolamento per la disciplina, la costituzione e la ripartizione degli incentivi per funzione tecniche e quindi i tecnici comunali non vengono pagati;

5. non valuta l’attività lavorativa dei dipendenti da oltre 6 (sei) anni, nonostante lo stesso Regolamento Comunale adottato con Delibera n. 81 del 30.10.2012 ed il CCNL 01.04.1999 prescrivono tassativamente che ogni dirigente all’inizio di ogni anno deve esprimere la valutazione dell’attività lavorativa svolta dai propri dipendenti nel corso dell’anno precedente e quindi, mancando la valutazione, i lavoratori non possono percepire le proprie spettanze;

6. non viene pagata la produttività ai dipendenti sin dall’anno 2012. Sulle suddette tematiche erano stati invitati anche gli Amministratori ed i Dirigenti per fornirci le spiegazioni, ma nessuno di essi si è presentato.

L’assemblea in modo pacato e civile ha manifestato il proprio dissenso rispetto ad un comportamento che obiettivamente ci appare omissivo ed elusivo ed ha dato mandato a questo Sindacato CSA di informare la collettività attraverso la stampa, di chiedere un incontro presso il Prefetto e qualora le inadempienze contrattuali persistano deciderà le ulteriori azioni, senza escludere sciopero ed azioni legali.

Il Coordinatore Provinciale del CSA
Feliciantonio Di Schiavi