Reddito di inclusione 2018, è il nuovo sussidio universale nazionale contro la povertà delle famiglie che risiedono in Italia ed entrerà in vigore al posto del SIA, sostegno inclusione attiva, a partire dal 1° gennaio 2018.

Il REI, approvato con il Ddl povertà disegno di legge recanti norme per il contrasto alla povertà e per il riordino dei servizi sociali prevede l’introduzione del cd. reddito di inclusione attiva, ossia, un contributo economico fino a 485 euro al mese per le famiglie più numerose. La misura riguarderà in questa prima fase circa 500mila nuclei familiari, per 1,8 milioni di persone con un impegno finanziario per quest’anno di 1,850 miliardi di euro tra quota di aiuto diretto e fondi per i servizi di accompagnamento della persona. Nei giorni scorsi una circolare dell’Inps ha indicato le modalità tecniche per la raccolta e trasmissione telematica delle domande stesse da parte dei Comuni

Articolo precedenteNeolaureati a spasso: solo il 58% trova lavoro entro 3 anni
Articolo successivoGiro d’Italia Amatori 2018, apertura iscrizioni venerdì 1 dicembre