Sul trasferimento degli interventi complessi di senologia dal nosocomio isernino all’ospedale Cardarelli di Campobasso, si registra la presa di posizione del sindaco Giacomo d’Apollonio.

<<Sono preoccupato per le notizie che si susseguono in queste ore – ha dichiarato il sindaco -. Ancorché annunciata da tempo, la decisione di ridimensionare le attività dei medici di senologia a Isernia per destinare gli interventi più delicati nel solo ospedale di Campobasso è un ulteriore impoverimento dei servizi del Veneziale. Lo affermo – ha continuato d’Apollonio – benché il reparto di senologia a Isernia non sia stato mai formalmente istituito.

Di fatto, però, esiste ed eroga prestazioni di qualità, anche se agisce come importante funzione di altro reparto. Pertanto, non vedo perché un servizio che funziona perfettamente ed è fondamentale per Isernia e per il circondario debba essere quasi smantellato in favore di Campobasso. Questa, infatti, potrebbe essere l’occasione per riconoscere a Isernia il diritto di conservare qualcosa di davvero efficiente. È noto, infatti, che i medici e gli operatori isernini che prestano cure senologiche hanno sempre dimostrato una straordinaria capacità professionale.

Esprimo loro la mia solidarietà rispetto a questa vicenda e alla notizia, appresa dalla stampa, che gli sarebbe stata negata la possibilità di eseguire interventi già programmati per i prossimi giorni. Assicuro, infine – ha concluso d’Apollonio -, di intervenire sempre, per quanto nelle mie possibilità, in difesa costante e decisa dei servizi sanitari della città>>.