di T.A.

L’INTERVENTO PER IL MODERNO ED UTILE UTILIZZO DELLA STRUTTURA IN CHIAVE SOCIALE

Era diventato un rudere cadente, pericoloso ed impresentabile che non  dava certo la migliore immagine di un rione storico della Venafro Antica, ossia il quartiere di San Francesco con al centro la chiesa omonima. E così si è messo finalmente mano all’intervento di recupero e riconversione dello storico Palazzo San Francesco, lavori in pieno svolgimento. L’intervento, atteso da anni, consentirà di disporre di un’ampia e storica struttura variamente utilizzata nel corso del tempo : da luogo religioso a caserma dei carabinieri, con lo speciale reparto dei militari dell’Arma a cavallo. Quindi chiusura e decenni di abbandono avevano decisamente mal ridotto il tutto, sino a trasformarlo in un cadente ed impresentabile immobile. Adesso finalmente con fondi pubblici si sta procedendo a recupero e riconversione. Per farne cosa, ci si chiederà ? Non è dato sapere mancando informazioni precise ed ufficiali al riguardo, ma si ha motivo di ritenere che il complesso venga destinato ad utilità sociale di vario tipo. Una idea raccolta in giro. “Esattamente là dove oggi si sta lavorando per recuperare e restaurare –è l’opinione di tanti- c’era lo storico teatro di Venafro. Perché non verificare la possibilità di riaprirlo in loco con l’intervento in itinere, visto che Venafro non dispone di un teatro né di sale cinematografiche ?”. Idea nient’affatto sbagliata, ritengono in molti. Intanto da immagini virtuali esposte all’esterno dell’area dei lavori in corso s’immaginano interni meravigliosi del restaurando Palazzo di San Francesco, con sale accoglienti, arredi magnifici e preziose testimonianze del passato in mostra. Sarà domani effettivamente così o tutt’altro ? Non resta che attendere per la risposta precisa.

Articolo precedenteANCI MOLISE, SCIULLI: finanziamenti ai comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti per di scuole, strade e edifici pubblici
Articolo successivoTERMOLI. “TURISMO DELLE RADICI”: L’ASSESSORE MICHELE BARILE A ROMA PER L’INCONTRO CON IL VICEPREMIER ANTONIO TAJANI