di Redazione

La Guardia di Finanza – Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Campobasso, sotto la direzione della Procura del capoluogo, ha dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal GIP del Tribunale, al sequestro preventivo in via diretta, di disponibilità finanziarie per un ammontare complessivo di circa 530 mila Euro. Il provvedimento è stato emesso nei confronti di una società di trasporto merci su strada operante nel territorio della Provincia di Campobasso, con l’ipotesi di reato di indebita compensazione di crediti inesistenti, violando, quindi, l’art. 10 quater del D.Lgs. n. 74/2000.  L’attività a seguito di accertamenti di natura fiscale eseguiti dalla Guardia di Finanza dove è emerso che l’Impresa, attraverso false ricostruzioni contabili, aveva beneficiato, indebitamente, di crediti di imposta per attività di “ricerca e sviluppo”. Successivamente, le  investigazioni, in coordinamento con la Procura della Repubblica di Campobasso, hanno consentito di appurare la mancanza dei requisiti previsti ai sensi della normativa vigente, da parte della società di cui al provvedimento di sequestro, data la sostanziale assenza dei crediti oggetto della compensazione dichiarata. La Procura, infine, fa sapere che il procedimento è nella fase delle indagini preliminari e pertanto gli indagati potranno esperire, in ottica difensiva, tutti i rimedi processuali previsti.

Articolo precedenteLA FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA STAMPA SOLLECITA LA POLITICA ITALIANA PER L’ELIMINAZIONE DEL CARCERE PER LA DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA
Articolo successivoPizzone II. La difesa del territorio resta la priorità del coordinamento: il 25 maggio un incontro InFormativo.