Ad annunciarlo il portavoce del Comitato “In Seno al Problema” Emilio Izzo.

MOBILITAZIONE! Questa volta sarà quella buona! A contattarmi telefonicamente è stato il commissario in persona, dott.Giustini, a seguito di una mail dal tono perentorio che avevo inviato presso la struttura commissariale un paio di giorni prima!

E così, salvo ripensamenti, o come l’altra volta interventi inopportuni di convocazione da parte del presidente Toma, mercoledì 15 maggio prossimo, dopo un breve incontro con il prefetto di Isernia fissato per le ore 9.00, i commissari saranno presso l’ospedale “Veneziale” di Isernia, intorno alle 9.30, per incontrare il Comitato “In Seno al Problema” e i dirigenti sanitari del nosocomio provinciale, per trovare soluzioni adeguate atte a scongiurare smantellamenti di reparti, anticamera di un declassamento pari a una chiusura dei servizi.

Ovvio che tutta la provincia e i sindaci in testa, saranno necessari a fronteggiare l’emergenza sanità pubblica, la presenza di tutti, unitamente al senso di attaccamento per un territorio, faranno il valore aggiunto per quella lotta di civiltà che vede il settore sanitario affrontare un’emergenza senza precedenti. Così come è altrettanto evidente pensare ad una lotta che passi attraverso la difesa degli ospedali di Agnone e Venafro che del territorio pentro sono le propaggini più sensibili in quanto presidi di confine e di zone disagiate.

L’appello va a tutte le forze istituzionali, ai sindacati, ai cittadini, alle scuole, ognuno per la propria parte ed il proprio sentire, dovrebbero essere presenti per ribadire che il volere dei cittadini va rispettato e che una sanità pubblica di qualità è solo una premessa per il rispetto della costituzione garante di questi ed altri principi.