di Tonino Atella

Si è appena conclusa a Venafro l’XI^ edizione del Concorso Letterario Nazionale “L’uomo custode della natura : custodiamo ciò che abbiamo”, promosso d’intesa tra Convento Frati Minori Cappuccini della città, Comune di Venafro e Circolo religioso/socio/culturale San Nicandro. Un appuntamento che puntualmente evidenzia impegni e passioni letterarie di tanti ambosessi di ogni età ed estrazione sociale sia di Venafro che di tant’altri Comuni, i quali si prodigano per centrare le finalità dell’iniziativa.

Ed ogni volta la messe letteraria raccolta è cospicua e ricca di messaggi quanto mai interessanti, a prescindere dall’età dei diretti protagonisti dei lavori presentati. Anche per questa edizione 2021 perciò tantissima la partecipazione, molti i testi prodotti, numerose le citazioni di lodi e conseguentemente intenso il lavorìo della giuria del Circolo proponente, presieduta dalla Preside prof.ssa Antonietta Izzo Capobianco, e del Circolo San Nicandro, presieduto dalla Dirigente Scolastica, prof.ssa Vincenzina Scarabeo Di Lullo. Tra i tanti premiati, tutti -sia chiaro- meritevoli di citazione ma impossibile a farsi per esigenze di spazio editoriale, riferiamo del premio conferito alla III/A della Scuola Primaria-Istituto Comprensivo Mons. Giulio Testa di Venafro per la significativa poesia, “ Se vuoi …”, lirica che attesta lo spessore socio/culturale dei suoi giovanissimi ideatori ambosessi, quale garanzia di crescita sana e motivata delle generazioni future. Plausi e rallegramenti vanno comunque a tutti i partecipanti al Concorso Letterario in tema, a testimonianza del loro ottimo livello socio/umanitario oltre che letterario.

Articolo precedenteVenafro/Guglionesi, anticipo d’eccellenza del sabato determinante per i play/off
Articolo successivoBoys Roccaravindola, prosegue la presentazione dello Staff Tecnico, oggi tocca alla categoria “Pulcini”