di Massimiliano Scarabeo
A Sosice, un villaggio croato vicino al confine sloveno è stata scoperta una Foiba piena dei cadaveri di vittime dei partigiani comunisti di Tito.
Il recupero dei poveri resti è terminato il 27 luglio, complessivamente, dalla squadra di speleologi sono stati riportati in superficie ben 814 corpi, riferiti a ustascia, domobranci, civili, medici, infermieri e suore di diversi ospedali di Zagabria, gettati nella cavità alla fine e dopo la seconda guerra mondiale.
Tra di loro molte donne e bambini. Ovviamente la notizia è stata ignorata dai media mainstream perchè, si sa, in Italia l’informazione è …
Articolo precedenteAmazon: parti sociali chiedono collegamenti bus per i 460 addetti privati del trasporto pubblico
Articolo successivoBARANELLO, TORNANO I “RITUALI DEL MATRIMONIO” DELLA COMPAGNIA DI CULTURA POPOLARE “LE BANGALE”