di T.A.

LA CHIESA DELLA MADONNA DELLA LIBERA DI INDIPRETE IMPREZIOSITA DELL’ ARTISTICA PORTA CENTRALE IN BRONZO CON LE IMMAGINI DELLA VERGINE


LA REALIZZAZIONE VOLUTA DALLA COMUNITA’ LOCALE COL SUPPORTO DI DIOCESI DI CAMPOBASSO/BOIANO, REGIONE MOLISE E COMUNE DI CASTELPETROSO.

Una bella, intensa e partecipata cerimonia popolare a Indiprete, come da documentazione fotografica gentilmente fornita dal dr. Fabio Fiorito del posto, per scoprire ed inaugurare la nuova porta centrale artistica in bronzo della Chiesa Madre dedicata alla Madonna della Libera. La comunità del luogo che gremiva la piazza antistante il luogo di culto ha gradito tantissimo la realizzazione, salutandone con fragorosi applausi lo scoprimento da parte delle donne del Comitato Parrocchiale subito dopo la preghiera e la benedizione del Parroco della Madonna della Libera, P. Mattia Larocca. Quindi l’illustrazione a più voci del tutto. Coordinati dal direttore di questa testata giornalista Tonino Atella, hanno iniziato il citato P. Larocca e P. Lorenzo Piazzolla, il precedente parroco della stessa chiesa, i quali hanno sottolineato l’importanza religiosa e sociale dell’iniziativa quale precisa testimonianza della fede locale. E’ seguito l’intervento del consigliere regionale del Molise dr. Armandino D’Egidio che ha parlato della vicinanza dell’istituzione regionale ad iniziative, come quella di Indiprete, che attestano la crescita delle popolazioni sul territorio quale chiaro segno di progresso collettivo. La parola poi al sindaco di Castelpetroso, dott.ssa Michela Tamburri, che ha rimarcato il positivo momento che la collettività locale sta vivendo sotto l’impulso di individualità assai fattive, come quelle che hanno reso possibile la nuova porta artistica in bronzo della Chiesa della Madonna della Libera di Indiprete. Dopodiché spazio al protagonista del tutto, il cav. Franco Ferrara, che ha parlato anche a nome dell’intero Comitato Parrocchiale da lui presieduto ed in particolare delle più strette collaboratrici Palma Tamburri e Liberina Cifelli. Comitato che da anni perseguiva l’idea della nuova realizzazione, finalmente concretizzatasi grazie alla volitiva determinazione del citato Ferrara. Questi ha altresì dato notizia della prossima realizzazione di altra importante opera bronzea su una delle porte laterali dello stesso luogo di culto, grazie alla volontaria disponibilità di una fedele del luogo. In chiusura di  appuntamento, conclusosi con un mega buffet in piazza offerto dal Comitato Parrocchiale, gl’interventi dei realizzatori materiali dei nuovi pannelli bronzei, il progettista prof. Domenico Vacca e lo scultore dell’opera, prof. Domenico Sepe, scultura realizzata presso la Fonderia Ruocco di Pianura (Napoli), presente alla cerimonia di Indiprete col titolare, il Comm. Ruocco. Tanto il Vacca che il Sepe hanno evidenziato gl’impegni personali profusi per la scultura che attesta storia, religione, fede, arte e cultura di tutti e che resterà patrimonio collettivo futuro, ben oltre gli stessi confini comunali. “Appartiene a ciascuno di voi questa nuova porta bronzea della vostra chiesa -ha affermato con evidente commozione e soddisfazione personale lo scultore Sepe- che però da oggi é patrimonio comune anche dei non molisani, grazie all’amore ed alla passione col quale é stata realizzata”. E giù applausi scroscianti dalla piazza, mentre gli occhi di ognuno erano per i sei pannelli bronzei raffiguranti S. Maria della Libera, la Madonna Addolorata, La Madonna del Riposo, la Madonna delle Grazie, l’Immacolata Concezione e Maria Assunta in Cielo.

Articolo precedentePer la difesa dell’ambiente
Articolo successivoFocus sui tumori al Parco Tecnologico Neuromed di Pozzilli