Il “Forum per la difesa della sanità pubblica di qualità ” comunica che sarà presente con una propria delegazione all’udienza pubblica che si terrà al TAR Molise il prossimo 29 novembre.

Si discuterà nel merito dei ricorsi sulle transazioni milionarie concluse dalla Regione con le strutture sanitarie private Neuromed, Università Cattolica e Fondazione Giovanni Paolo II. Le impugnazioni, proposte dal Codacons, riguardano sia gli atti della Direzione Generale della Salute che del Commissario ad acta con i quali sono stati riconosciuti in favore delle suddette strutture circa 86 milioni di euro per prestazioni sanitarie pregresse, una parte delle quali risalenti addirittura al 1993, che erano state contestate dalla Regione e oggetto di giudizi pendenti.

Di questi atti non è stato reso noto quasi nulla, quindi occorre la massima chiarezza, visto che della questione non sono stati investiti né il Consiglio regionale né la Giunta. Non sappiamo nè se le richieste fossero legittime, nè quale fosse la convenienza per la Regione nel definire transattivamente i contenziosi prima delle pronunce giurisdizionali volte ad accertare se le somme fossero dovute e in che misura.

Gli stessi Ministeri della Salute e dell’Economia, peraltro, hanno espresso perplessità al riguardo, come si evince dai verbali del Tavolo Tecnico. Pertanto il FORUM, nell’interesse di tutti i cittadini che ogni giorno vedono sempre più a rischio i livelli essenziali di assistenza, confida che a fare piena luce sulla vicenda sia il Tribunale Amministrativo Regionale, al cui cospetto i propri delegati saranno presenti il giorno dell’udienza per testimoniare il rilevante interesse pubblico che questo giudizio riveste per il futuro della sanità molisana.

Articolo precedenteControlli antidroga nel capoluogo pentro, segnalati due studenti trovati in possesso di hashish e marijuana
Articolo successivoBoccardo (UIL): Prosegue la nostra battaglia per smontare la legge Fornero