La miopia politica degli ultimi 10 anni concentrata a difendere la nomina commissariale dei presidenti che si sono succeduti dal 2013 ad oggi invece che i molisani ha ridotto la 𝘀𝗮𝗻𝗶𝘁𝗮̀ 𝗹𝗼𝗰𝗮𝗹𝗲 ad un colabrodo.

A rimetterci sono solo i pazienti molisani sempre più propensi a curarsi fuori regione aumentando così le spese della regione Molise e svilendo le eccellenze pubbliche e private del nostro sistema sanitario regionale.

La chiusura dei reparti negli ospedali pubblici, la guerra innescata con le eccellenze private e l’incapacità politica di difendere i diritti dei molisani a Roma sono state le principali cause del collasso del sistema insieme alla pessima gestione della pandemia visto che in Molise non c’è stata neppure la capacità di aprire un centro Covid dedicato. 𝗨𝗻𝗶𝗰𝗼 𝗰𝗮𝘀𝗼 𝗶𝗻 𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮.

Far ripartire la macchina sanitaria in regione è una priorità assoluta volta a tutelare il diritto alla salute costituzionalmente sancito dall’art. 32 della Costituzione italiana.

Articolo precedenteCampobasso, inaugurata “Una Casa per Domani” dell’AIPD
Articolo successivoLuce & Regalo: lo Store di elettrodomestici e vendita on-line si allarga