Il coordinamento regionale del Movimento Nazionale ha indirizzato una dura nota al presidente della Regione Molise, Donato Toma, per invocarne le dimissioni.

“Il Molise – si legge nella nota – sta sprofondando irreversibilmente nel baratro. Donato Toma si sta rivelando per quello che sembrava sin da subito, ossia il più incompetente presidente che la Regione abbia mai avuto nella sua pur breve storia.

La qualità della vita dei molisani sta progressivamente calando, tanto da essere agli ultimi posti in Italia; e purtroppo l’emergenza sanitaria sta facendo emergere ancor di più le lacune in termini di servizi essenziali e l’incapacità dell’attuale amministratore di fare fronte alle criticità.

Dinanzi a questa realtà drammatica, i corregionali non possono che espatriare, infatti l’età media si sta preoccupantemente alzando e la popolazione sta drasticamente scendendo.
In Molise non c’è lavoro, non c’è futuro, non c’è dignità, e adesso non c’è più nemmeno un ospedale degno di questo nome.

Dinanzi a questo sfacelo Toma resta inerte, barcamenandosi tra inattività e provvedimenti rabberciati.

Inutile dire – continua la nota del Movimento Nazionale – che, in occasione del nuovo anno, dovrebbe fare ai suoi corregionali il regalo più grande: dimettersi”.