Il libro dall’ipotesi innovativa sul luogo dell’incontro Garibaldi/Vittorio Emanuele II

 

Testi di storia, i nuovi come quelli polverosi negli scaffali di casa, sin qui ad attestare che il famoso e storico incontro Garibaldi/Vittorio Emanuele II col proverbiale “Obbedisco !” dell’Eroe dei Due Mondi che di fatto consegnò l’Italia meridionale liberata al Re di Casa Savoia era avvenuto sul rinomato ponte alle porte di Vairano e poco distante da Teano nell’alto casertano, come l’indimenticabile pennellata a colori ha fatto “vedere” per decenni. E tante generazioni sono cresciute con tali informazioni ed il bellissimo quadro nella mente e negli occhi. Poi però un bel giorno ecco venir fuori da Venafro una innovativa iniziativa di ricerca storico/culturale, portata avanti dall’ex ins. Silvana Galardi di Venafro, dall’Istituto Internazionale di Studi Giuseppe Garibaldi e da altri, secondo cui il luogo del rinomato incontro sarebbe tutt’altro, per l’esattezza presso il molino “Le Pentime” di Sesto Campano in Molise ! Il tutto scritto, documentato e pubblicato col testo “Qui avvenne la storica stretta di mano”, libro che verrà presentato, letto, approfondito e discusso il 15 ottobre prossimo (h 10.00) presso il predetto molino “Le Pentime” di Sesto Campano, presenti autori, storici, ricercatori, studiosi, rappresentanti istituzionali e comuni cittadini. Nella circostanza porte aperte a tutti per entrare nel merito della location della storica stretta di mano e dell’ “Obbedisco” garibaldino al Re d’Italia.

Articolo precedenteA Venafro la giornata dedicata a San Padre Pio in ricordo del Beato Transito dalla vita terrena a quella eterna
Articolo successivoMONTERODUNI. UNA PANCHINA VIOLA PER CELEBRARE LA GIORNATA MONDIALE DELL’ALZHEIMER