di Domenico Pio Abiuso

Il progetto “REMEMBER” pensato da Roberto Colella, si occupa di turismo sociale per persone affette da disabilità, persone svantaggiate, soggetti affetti da demenza senile e Alzheimer e i loro familiari.

Nel 1996 la “Dichiarazione di Montreal” definisce il Turismo Sociale, come:

Creatore di società: qualificandosi come fattore di coesione sociale che, vuole garantire a tutti l’accesso alla vacanza, lotta contro le disuguaglianze e contro l’esclusione di chi appartiene a una cultura diversa, dispone di minori mezzi finanziari, ha capacità fisiche ridotte o vive in un’area in via di sviluppo.

Le attività che si propone di svolgere la progettualità messa in campo da Colella, sono:

  • MEMORIA: stimolare i ricordi del soggetto anziano o del paziente partendo da vecchi album fotografici per rivivere determinati luoghi e momenti;
  • CONOSCENZA: Supportare la scoperta di se stessi e dell’altro attraverso la dimensione del gioco (libero e/o strutturato);
  • SOCIALIZZAZIONE: Supportare il processo di socializzazione e di integrazione all’interno del gruppo;
  • L’ESPLORAZIONE: Favorire la Conoscenza del territorio e delle sue peculiarità attraverso il contatto diretto con la natura e la fruizione del territorio.

Le modalità in cui vengono espletate queste attività, sono:

  • pacchetti turistici;
  • organizzazione eventi;
  • mostre permanenti fotografiche nei borghi. (es. photo wall sui matrimoni d’epoca, sull’artigianato locale o sulle storie dei singoli cittadini).

Gli obiettivi generali sono:

  • gestione dello stress;
  • stimolare i ricordi e la memoria dei soggetti;
  • promuovere benessere psico-fisico e migliorare la qualità della vita degli anziani e dei malati;
  • acquisire e sperimentare tecniche relazionali in grado di stabilire un contatto con l’altro;
  • promuovere località turistiche per un turismo lento ed esperenziale.

Gli obiettivi specifici sono:

  • Favorire il rilassamento;
  • Favorire l’espressione delle proprie emozioni;
  • Condividere esperienze di viaggio;
  • Migliorare le capacità di ascolto e di relazione;
  • Affinare il canale della comunicazione non verbale.

Questa progettazione ha avuto la sua prima sperimentazione a Montebello sul Sangro in provincia di Chieti, in Abruzzo e adesso approda in Molise, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer, il 21 settembre 2018, in collaborazione con il geriatra Mino Dentizzi, avrà luogo una visita guidata per malati di Alzheimer e i i loro familiari al castello di Torella del Sannio (ore 10.30), pranzo sociale a Bojano (ore 13.00) e visita a Palazzo Colagrosso di Bojano con attività ludico-ricreative (ore 15.30).