Snellimento della burocrazia, riduzione dei livelli di controllo, che ingenerano ritardi nell’utilizzo dei fondi sia europei che nazionali, maggiore utilizzo delle procedure negoziate di assegnazione dei lavori pubblici, rapida erogazione dei fondi pubblici, una volta assegnati alle imprese: sono i punti cardine degli interventi di semplificazione.

Questa mattina, presso l’Auditorium di Palazzo Gil, è stato presentato il Centro di competenza regionale sulla semplificazione, recentemente istituito con Delibera di Giunta regionale 446 del 25 novembre scorso, uno strumento di delivery unit a livello territoriale che intende operare in sinergia e con il supporto specialistico di Formez PA.

Questi i compiti ad esso assegnati: rafforzare la capacità amministrativa attraverso l’erogazione di servizi di affiancamento e/o assistenza tecnica alla Regione e agli Enti locali; semplificare la normativa regionale e/o la modulistica non compresa negli accordi in Conferenza unificata; predisporre linee guida sui procedimenti complessi; concertare tavoli tecnici con gli enti terzi per la stipula di protocolli di intesa per la gestione dei procedimenti.

Il presidente Toma ha ribadito la volontà del Governo regionale di realizzare un percorso unitario e deciso verso la semplificazione e la digitalizzazione dell’Ente, allo scopo di assicurare un agire amministrativo improntato ai principi di efficacia, tempestività ed efficienza, che renda più agevole l’accesso ai servizi da parte di cittadini e imprese, nonché garantire livelli di qualità più elevati nei rapporti tra gli stessi e la Pubblica amministrazione.