L’associazione Internazionale per la lotta alla lebbra sensibilizza gli studenti

lebbra

Positivamente dinamici nonostante l’età e le condizioni fisiche, e supportati da un dirigente scolastico assai disponibile ed altrettanto volitivo, l’ins. in pensione Gilda Passarelli Trione di Venafro ed il fisioterapista non vedente di Pozzilli, Gianni Fiacchino, presidente provinciale dell’UICI d’Isernia, hanno ideato e promosso un interessante concorso didattico tra le scolaresche dell’Istituto Comprensivo di Pozzilli, trovando appunto massima disponibilità, apertura e voglia di fare nel dirigente di tale scuola. E’ venuta così fuori una iniziativa quanto mai utile sul piano sociale, civile e didattico, che riguarderà gli alunni delle ultime classi dell’Istituto in tema i quali dovranno lavorare e disegnare tematiche, argomenti, situazioni e personaggi relativi alla lotta alla lebbra, malattia che miete ancora tantissime vittime nei paesi sotto sviluppati e che le nazioni più evolute e progredite sono impegnate a debellare, come fece appunto il noto medico francese Follerau, dal cui nome ha preso poi origine l’associazione internazionale che combatte e lotta giorno dopo giorno per debellare il male nel mondo. A Pozzilli quindi, supportati da docenti, dirigente ed intera struttura scolastica, si dirà, si ricercherà, si lavorerà e si disegnerà sul tema della lebbra, imparando a conoscerla per sconfiggerla una volta per tutte. La conclusione del concorso con la premiazione dei migliori lavori e dei loro autori alla vigilia del prossimo Natale, preceduta dal lavoro di selezione dell’apposita commissione giudicatrice.

 

Tonino Atella

 

 

 

 

 

Articolo precedenteMontaquila. Villa Flora e il Dott. Franco Rossi: si può diventare mostri da un giorno all’altro?
Articolo successivoVenafro. Le Mamme per La Salute: appello ai molisani contro le biomasse a Campochiaro