Da Jasmine Moauro e Vincenzo Forte, referenti del progetto “PlasticFree” nelle scuole pubbliche di Venafro al fine di sensibilizzare i giovani sul tema dell’abbandono della plastica dappertutto e prevenire il fenomeno altamente dannoso per l’ambiente e conseguentemente per la salute di tutti, riceviamo l’informativa che di seguito pubblichiamo. In effetti risulta altamente necessario che a partire dalle nuove generazioni si abbia consapevolezza della necessità di proteggere l’ambiente da minacce consistenti come l’abbandono indiscriminato e ovunque di tutto a partire dalla plastica, acquisendo principi e comportamenti adatti alla migliore conservazione del territorio in cui si vive. Ed allora spazio a quanto fanno sapere i due giovani indicati in apertura circa il PlasticFree nelle scuole pubbliche venafrane : ”Abbiamo iniziato –informano Jasmine Moauro e Vincenzo Forte- con la sensibilizzazione sul tema i primi di ottobre scorso, andando a trovare i bimbi delle elementari e i ragazzi delle medie del “Pilla”. Da sabato19 novembre in poi per i successivi sabato andremo a sensibilizzare i ragazzi del “Giordano”. Abbiamo iniziato dal triennio del classico in via Del Carmine, poi sabato 26 tutti i ragazzi del V di tutti gli altri indirizzi di via Maiella, il 3 dicembre toccherà ai ragazzi del IV, per finire il 17 dicembre con i ragazzi del III. Per i ragazzi del biennio toccherà aspettare il 2023 …”. In merito alla migliore conservazione e tutela dell’ambiente venafrano e per aiutare a debellare il deleterio ed incivile fenomeno dell’abbandono indiscriminato di tutto sul territorio, va ricordata la recente bellissima iniziativa di decine di giovani ambosessi venafrani che, “armati” di tantissimo spirito civile e sociale e rinunciando al riposo mattutino domenicale, raccolsero e pulirono tantissimo del perimetro urbano, presentando al termine una città -Venafro-finalmente più pulita, maggiormente in ordine e decorosa agli occhi della collettività.

 

 

Articolo precedenteLA NAI ORGANIZZA IL TROFEO GRUPPO ALEXA
Articolo successivoVenafro, incidente spaventoso: violento impatto tra un autocisterna e un’auto