Ci sono cose così chiare, ma quando non vogliamo vederle non le vediamo.
E’ inutile.
Lo sappiamo ma fingiamo di non sapere. Chissà poi perché si offende così la propria intelligenza.
Chi l’ha detto che l’amore, l’affetto o l’importanza verso qualcuno non si deve misurare dai gesti, dai pensieri, dalle presenze o assenze, dalle cose dette e non fatte, dalle cose fatte e mai confessate, dalle promesse rimaste lì, da quelle mantenute, dalle cose ricambiate o meno.
Chiunque l’abbia detto è una gran cagata se vogliamo essere totalmente onesti.
Gli errori si fanno?
Forse o forse se si fanno errori allora non si è data la giusta importanza al tutto.
Gli errori servono. A cosa dovrebbero servire?? Gli errori restano, ovunque, anche quando fingiamo di passare avanti alla fine restano sotto pelle e da lì come li togli!
Viviamo in una società in cui tutto pesa ormai anche una storia, quello che metti o non metti, quello che non hai paura di far vedere, che non ti interessa della gente, conta pure chi sei, come, dove e e se ci sei nei social di qualcuno e possiamo anche fare finta di spacciarci per persone a cui non interessa, non siamo credibili infondo, ci interessa ogni cosa e ci pesa ogni cosa.
È bello? No.
È brutto? Non lo so.
Era meglio prima? Sicuramente.
Bisognerebbe essere più lucidi.
Ricordarsi, ricordare, sempre!
Chiunque l’abbia detto, diteglielo che non è così!
M.S.
Articolo precedenteCampobasso, al Mario Pagano lezione magistrale “Digitalizzazione e sostenibilità: luci e ombre nella data economy”
Articolo successivoCULTURA: CONCORSO FS-SALONE DEL LIBRO DI TORINO, GIÀ ARRIVATI OLTRE 150 RACCONTI