di Don Emilio Cioffi

Se hai possibilità, rispetto a chi non ce l’ha, fai carità a chi è in difficoltà. Se vedi che tu sei più agevolato di chi vive di stenti realizza qualcosa d’importante nel posto in cui vivi, qualcosa che possa essere utile a tutti oppure qualcosa per abbellire un luogo sacro. Amici, facciamo “investimenti spirituali” per un futuro, per la nostra anima. Non abbiate paura di “fare” per paura di diminuire i vostri averi: i soldi, da soli, non rendono felici a nessuno, al contrario, fare un gesto di carità rende il cuore sereno e si vive in pace. Ricordiamo le parole di Gesù che dice: “Tutto ciò che avete fatto a uno dei più piccoli lo avete fatto a me.” Conclusione non lasciamoci derubare dal “ladro dell’avarizia” se vogliamo essere chiamati “ricchi di Dio” e non “tirchi”. Buona giornata a tutti voi, vi benedico .Amen.

Articolo precedenteANAS: 2.300 Assunzioni in tutta Italia entro il 2026
Articolo successivoIl Comitato di Isernia della Croce Rossa Italiana torna sulla questione della sede operativa di Isernia