di Don Emilio Cioffi

Tutti siamo chiamati a contribuire col nostro lavoro a migliorare la società. Nessuno può dire di non essere interessato perché il dovere a farlo proviene da Dio stesso. Poi se qualcuno si lamenta che non lavora, che nessuno lo chiama, è solo perché non si ha voglia di lavorare. Non bisogna aspirare per forza solo a lavori “importanti”, Il lavoro è per tutti, e se si ha voglia di lavorare basta inventarsi di fare qualcosa e si è subito occupati. Amici, Dio è il nostro datore di lavoro, qualsiasi cosa facciamo, lo si faccia onestamente e soddisfazione troveremo. Poi ognuno è libero di decidere come preferisce, se essere occupato o disoccupato. Buongiorno a voi tutti lavoratori appassionati. Vi benedico. Amen.

 

Articolo precedenteTorneo di Scacchi a Venafro con decine di partecipanti molisani ed extraregionali
Articolo successivoIllegittimo derogare al principio rotazione appalti giustificandolo con ragioni di urgenza