di Don Emilio Cioffi

Evitiamo di farci venire l’ansia per l’attesa, dopotutto il tempo dell’attesa serve per riflettere, per ricordare, per migliorare. L’importante è che alla fine dell’attesa tutto si risolva, per questo amici, non facciamoci prendere dalla tensione ma proviamo ad essere più tranquilli mentre attendiamo che qualcuno si ricordi di noi. Anche oggi, come ieri, nessuno può fuggire dal tempo dell’attesa, non meravigliamoci se a volte l’attesa è lunga e snervante, l’importante è risolvere i problemi! Magari quello che possiamo fare per impegnare il tempo dell’attesa è una bella preghiera per rilassarci e affrontare ciò che si deve affrontare in questo nuovo giorno. Buona giornata a tutti, vi abbraccio e vi benedico. Amen

Articolo precedenteMammografie in Molise, l’ASReM garantisce le prestazioni
Articolo successivo“LA TAVOLA DI SAN GIUSEPPE”, INTERESSANTE EXCURSUS STORICO/RELIGIOSO DI PASQUALE DI LENA