L’Italia scivola dal 22° al 23° posto nella classifica dei 34 Paesi membri dell’Ocse relativa al peso delle tasse sui salari.

E’ quanto emerge dal rapporto “Taxis wages”, secondo il quale il cosiddetto cuneo fiscale nel nostro Paese è al 47,6%. L’Italia finisce dietro a Spagna, Irlanda e a tutti i grandi Stati europei, come Francia, Germania e Gran Bretagna, e viene superata dall’Ungheria.
Articolo precedenteMauro: organizzazione modello, sinonimo di legalità
Articolo successivoIl decreto fiscale è legge. Ecco le principali novità