Sono stati assegnati ieri, giovedì 11 febbraio 2021, gli incarichi in seno al nuovo consiglio direttivo dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Isernia.

Durante i lavori della prima riunione del direttivo il presidente uscente, Fernando Crudele, è stato riconfermato all’unanimità.

Riconfermate – sempre all’unanimità – anche le altre cariche.

Giuseppe Attademo sarà ancora il vice presidente.

Mentre il ruolo di tesoriere è stato riaffidato a Cristiana D’Ambrosio.

Patrizia Alfieri continuerà a svolgere le funzioni di segretaria.

A proporre la riconferma è stato lo stesso presidente Crudele: “Il giusto riconoscimento – ha detto – per l’ottimo lavoro svolto durante il triennio che si è da poco concluso”.

Il direttivo resterà in carica per tutto il quadriennio 2021-2024.

Analoghe nomine sono state effettuate in seno alla Commissione Albo Odontoiatri.

Con voto unanime Giorgio Berchicci è stato riconfermato presidente.

Berchicci ha poi proceduto con due nomine. Ha affidato il ruolo di vice presidente ad Antonio Di Cristinzi e quello di segretaria a Cristina Viti.

Durante la sua relazione, il presidente dell’Omceo di Isernia, ha fissato gli obiettivi da raggiungere.

Sarà un mandato nel segno della continuità: “Il nostro obiettivo primario – ha commentato – resta sempre quello della tutela del paziente.

Un risultato che può essere raggiunto partendo dalla tutela dei medici. Bisogna che vengano messi nelle condizioni di lavorare. Solo se si opera in un ambiente ideale si può garantire un servizio efficiente, di qualità, al paziente. Per questo continueremo a portare avanti una doppia battaglia.

Da un lato chiederemo ancora di far fronte alla carenza di personale, a tutti i livelli. Dall’altro – ha aggiunto il presidente dell’Omceo di Isernia – continueremo a fare pressione affinché vengano adottate misure concrete che permettano di contrastare gli episodi di violenza ai danni del personale medico e paramedico.

Nel frattempo possiamo annunciare con soddisfazione un’importante novità. Grazie alle nostre continue sollecitazioni, sono finalmente cominciate le vaccinazioni dei nostri iscritti. Riguarderanno tutti, anche i liberi professionisti e i pensionati.

Ma non ci fermiamo qui. Per far sì che tutta la popolazione possa essere vaccinata al più presto – ha concluso Crudele – chiederemo di far scendere in campo anche i medici di famiglia”.