Nel pomeriggio ritorno della semifinale di Coppa Molise al Campobasso (andata a Venafro 1 a 0 per i rossoblù) e quindi la convocazione del 17enne Gianmarco Ciolli, prodotto del vivaio societario, per il raduno della Rappresentativa Nazionale Dilettanti Under 17 al Centro Sportivo La Borghesiana a Roma

Un mercoledì, domani l’altro 11 gennaio, certamente particolare per il calcio dilettantistico venafrano. Nel pomeriggio nel capoluogo di regione si gioca Campobasso/Venafro, semifinale di ritorno di Coppa Molise. All’andata al Del Prete di Venafro s’imposero per 1 a 0 i rossoblù, conseguentemente favoriti per l’accesso alla finalissima della competizione dove quasi sicuramente dovranno vedersela con l’Alto Casertano vittorioso nel match d’andata per 3 a 0 sulla Turris. La squadra del presidente Nicandro Patriciello comunque non demorde e si accinge a giocarsi le proprie possibilità sino in fondo, senza concedere alcunché. Al riguardo il ds venafrano,Gravano, è esplicito : ”Il Venafro sta bene e sarà al completo a Campobasso, dove dovrebbe rientrare anche l’attaccante Paolella. Domenica Col Guglionesi, prima della sospensione al 46’ per problemi fisici dell’arbitro, Velardi e compagni avevano disputato una buona e convincente prova, colpendo anche un palo con Coia. Andiamo cioè a Campobasso per giocarci le nostre possibilità, sperando di accedere alla finalissima di Coppa Molise, traguardo che da anni manca al Venafro”. Nello stesso pomeriggio di mercoledì, come scritto in apertura, altro importante appuntamento per il calcio venafrano. Gianmarco Ciolli, 17enne prodotto del vivaio societario ed anche domenica scorsa titolare contro il Guglionesi, sarà al Centro Sportivo La Borghesiana di Roma per rispondere alla chiamata della Rappresentativa Nazionale Dilettanti Under 17. “Un risultato eccellente per  il calcio venafrano –dichiara soddisfatto il presidente del Venafro, Nicandro Patriciello- che premia gli sforzi, la passione e gl’impegni quotidiani di tutti i componenti della famiglia dell’Us Venafro. Un attestato alla valenza del calcio venafrano da oltre mezzo secolo in prima linea e in piena attività sportiva”. Detto dell’ovvia soddisfazione dell’ambiente calcistico venafrano, si spera ovviamente nelle attenzioni dei tecnici federali per il giovanissimo prodotto del vivaio sportivo cittadino, appunto Gianmarco Ciolli, a cui questa testata formula un calorosissimo “ In Bocca al Lupo !”, e che crepi ovviamente !

Articolo precedenteCalcio a 5, Cln Cus Molise, l’under 19 riprende da dove aveva chiuso. Vittoria a Ortona e primato consolidato
Articolo successivoIl sindacato interra alberelli in Via Flacco a Venafro, ma tra Comune e Iacp Isernia di li fanno seccare non innaffiandoli