di Tonino Atella

Attualmente si cammina direttamente sulla trafficatissima statale con pericoli enormi per chi procede a piedi.

C’è una enorme “spada di Damocle”, ossia un pericolo reale e consistente, che ogni giorno pende minacciosa sull’incolumità dei pedoni venafrani. E’ costituita dalla mancanza di marciapiedi lungo la trafficatissima statale Colonia Giulia, lato ovest, che porta fuori dalla nostra regione nel senso di marcia Adriatico/Tirreno o – viaggiando in senso opposto- immette a Venafro e quindi in Molise l’intenso traffico leggero e pesante che ogni giorno arriva dal Lazio, e soprattutto da Roma. Tale grave mancanza di un servizio tanto essenziale per l’incolumità delle persone, quale appunto rassicuranti marciapiedi su entrambi i lati dell’arteria in tema, costringe i pedoni venafrani a procedere a piedi direttamente sulla statale, sfiorati h24 da bus di linea, tir, auto, moto, furgoni ect. di mezza Italia senza la benché minima tutela e garanzia ! E purtroppo di tristi e tragici avvenimenti nello specifico già si sono registrati in danno di gente a piedi su tale lato della Colonia Giulia ! Le esternazioni giustificatissime dei venafrani : “Come si fa -si chiedono in tanti- a non ravvisare l’improcrastinabile urgenza, la necessità assolutamente indifferibile di realizzare marciapiedi sul lato ovest della Colonia Giulia di Venafro ? La trafficatissima strada porta a quartieri assai popolati, a zone urbane dall’alta densità demografica, al SS Rosario, agli impianti sportivi comunali, ad attività commerciali molto frequentate ect., ma non esiste un solo metro di marciapiede su nessuno dei due lati ! Di conseguenza si cammina a piedi sulla stessa arteria sfiorati da mezzi su gomma, la cui velocità il più delle volte è eccessiva e non occorre tanto per capire i pericoli che ogni giorno corriamo come pedoni. Ciononostante non c’è il benché minimo impegno da parte delle istituzioni pubbliche per attrezzare la Colonia Giulia di comodi e rassicuranti marciapiedi ! Di proteste e sollecitazioni ce ne sono state tante nel corso degli anni, sono stati rappresentati a molti i pericoli della quotidianità, ma d’interventi risolutivi nemmeno l’ombra !”. Data la delicatissima situazione in atto, cosa si chiede ? “Non certamente la luna nel pozzo -ribattono amaramente gli esasperati venafrani- ma unicamente la realizzazione di marciapiedi lungo il lato ovest della Colonia Giulia in modo da uscire e rientrare a casa in tutta sicurezza e tranquillità. Oggi tale sacrosanto diritto viene messo in forse e la cosa non è affatto ammissibile !”. In chiusura a confermare la pericolosità del tratto stradale in questione, sovente percorso ad alta velocità dai mezzi su gomma in arrivo dal Lazio senza alcun controllo preventivo e in assenza di efficienti servizi perché si rallenti la velocità, basta ricordare gl’investimenti e i sinistri purtroppo taluni mortali già verificatisi su tale tratto della Colonia Giulia. Siffatti riscontri avrebbero dovuto già da tempo indurre alla realizzazione di marciapiedi e ad attuare misure tali da contenere la velocità su gomma nell’attraversamento del centro abitato venafrano. Ed invece assolutamente nulla è mai avvenuto ! S’invertirà una volta per tutte il micidiale trend, garantendo ai pedoni a Venafro il massimo della sicurezza e della tranquillità?

Articolo precedenteSTRISCIONI DEL BLOCCO STUDENTESCO A CAMPOBASSO E ISERNIA PER IL GIORNO DEL RICORDO
Articolo successivoSPESASOSPESA.ORG, LA MOLISANA DONA PASTI AI PIU’ BISOGNOSI