di Tonino Atella

Una serata di fuoco, vuoi il caldo e vuoi la tensione della partita via tv, ed alla fine gioia e sfottò via web si sono scatenati a più non posso. E’ stata tiratissima, incerta ed incandescente infatti Spagna/Italia di ieri sera, semifinale degli Europei di calcio in corso in mezza Europa , e quando nella serie decisiva dei penalty dopo che i 120’erano terminati sull’ 1 a 1 l’ultimo rigore spagnolo non ha fatto centro, l’Italia e gl’italiani calciofili -ossia il 99% di quanti vivono dalle Alpi a Villa San Giovanni, punta estrema della Calabria- si sono  liberati finalmente di paure, timori e tensione che avevano accumulato dando vita a cortei, cori, caroselli di auto, tantissimi e bellissimi fuochi pirotecnici, abbracci, sorrisi, salti di gioia ed altro ancora.

Tutti a sorridere, tutti ad inneggiare a Roberto Mancini, il mister italiano, & company, mentre sul web prendevano a girare sfottò di ogni genere all’indirizzo degli spagnoli, chiaramente nel solco della civiltà e della sportività. Tra i tanti, e mentre dappertutto per strada in Molise come nel resto della Penisola si accalcavano gente e macchine per cortei, cori, sventolii di bandiere e salti di gioia, il più simpatico “sfottò” via etere degli italiani agli spagnoli raffigurava una fase della tipica corrida spagnola con Mancini nelle sembianze del torero che “mata” il toro Enrique, il quale lotta tenacemente  ma alla fine è suo malgrado soccombente ! Una notte di sana baldoria quindi, quella appena trascorsa, grazie alla pelota italica che come l’epico ciclismo dei tempi di Binda/Girardengo riesce alla fine ad accomunare tutti gl’italiani, facendo dimenticare problemi e divisioni seppure per uno spazio limitatissimo di tempo. Ed allora W Mancini & Company, sperando nella finalissima … !

Articolo precedenteLA MOLISANA MAGNOLIA, GIORGIA AMATORI E QUELLA SPERANZA CHIAMATA MONDIALI UNDER 19
Articolo successivoColli a Volturno: giovedì 8 luglio ci sarà la presentazione della campagna di scavo archeologico di Monte San Paolo e di località “Centrale” di Rocchetta a Volturno. Interverrà l’archeologo Michele Raddi