di T.A.

Da anni il problema è in piedi ! Tante le rimostranze popolari nel corso del tempo ! Diverse le segnalazioni degli utenti ai rappresentanti politici regionali delle varie legislature ! Però, zero rimedi in materia ! Trattasi del datatissimo caso dei biglietti ferroviari sulla tratta Venafro/Cassino e viceversa che continuano “allegramente” ad essere eccessivi ed esorbitanti -rispetto, ad esempio, ai viaggi su bus pubblici sullo stesso tragitto- in quanto risalenti ad epoca regia (!), addirittura a decreto del periodo monarchico del 1928 ! Un viaggiatore venafrano che anni addietro se ne interessò, senza ottenere alcunché, spiega la questione : “Occorre -afferma l’uomo- un intervento parlamentare per cambiare il regio decreto del 1928 a cui le FS si appellano, emettendo un biglietto esoso economicamente e non corrispondente ai km ferroviari effettivamente percorsi dal treno sulla tratta in questione. In parole povere si fa pagare al viaggiatore un biglietto di epoca datatissima, di quando cioè, non esistendo l’attuale e comoda galleria ferroviaria tra Venafro e San Pietro Infine che accorcia km. e tempi di percorrenza, il treno doveva scendere a Vairano Scalo (Ce) o viceversa per poi risalire in Molise, mettendo assieme diversi km di tragitto ferroviario in più, dal che l’esoso biglietto del viaggio su rotaia rispetto ai viaggi su bus pubblici, molto più contenuti”. Il prosieguo dell’esternazione dell’utente : “Personalmente esposi il problema direttamente all’allora Presidente della Giunta Regionale del Molise, Di Laura Frattura, affinché le FS adeguassero il costo del biglietto di viaggio agli effettivi km. percorsi dal treno. Non ebbi però alcuna risposta ed il problema è rimasto tale ! Dispiace siffatta persistente leggerezza, o disattenzione se si preferisce, verso i viaggiatori del Molise, costretti a costi di viaggio assolutamente non dovuti e fuori luogo !”. In parole povere cosa occorre perché il biglietto ferroviario sul tratto Venafro/Cassino e viceversa sia adeguato alla realtà, costando finalmente di meno ? “Serve che le FS -spiega l’uomo- tengano conto una volta per tutte della nuova galleria ferroviaria San Pietro Infine/Venafro che accorcia tragitto e tempi di percorrenza, rivedendo i costi del viaggio ! Non bisogna andare … sulla luna, ma fare una cosa ovvia e semplicissima ! Vi riusciranno finalmente “i nostri” ?”. Effettivamente è … impresa alla portata, per cui si spera ardentemente !

       

Articolo precedenteComune di Campobasso. “L’inclusione che cambia dopo il Reddito di Cittadinanza”
Articolo successivoALLE H 17.00 DELL’8 DICEMBRE LUMINARIE ACCESE NELLA VENAFRO NUOVA