L’Istituto Comprensivo “F. Amatuzio – Pallotta” di Bojano è risultato 1° Classificato per la categoria Scuole Primo Ciclo della regione Molise per il Premio Scuola Digitale 2018, svoltosi all’interno dell’evento Futura Campobasso, una tre giorni di conferenze, workshop ed esperienze di innovazione laboratoriali rivolte a docenti, dirigenti scolastici, studenti.

M. U. S. I. C. A. A. (Musica Unità e Sintesi In Cento Anni d’Arte) è l’idea progettuale presentata in concorso dall’Istituto Comprensivo con un video di tre minuti: un percorso di apprendimento innovativo incentrato sull’arte e la creatività, un tuffo nelle varie scansioni artistiche ed espressive del Novecento con l’utilizzo di vari linguaggi: dalle parole (poesia) alle immagini (pittura), dai suoni (musica) ai movimenti del corpo (danza) e così via. Un viaggio artistico-musicale interdisciplinare relativo ad un ben preciso periodo storico, dalla battaglia di Caporetto alle “prigioni” di Caparezza (1917 – 2017)

I punti di forza che hanno reso questa iniziativa una “Buona Pratica” didattica vanno ricercati innanzitutto nella trasversalità dei linguaggi espressivi utilizzati e nella forte continuità sia in verticale – visto il coinvolgimento di tutti gli ordini di scuola – sia in orizzontale per l’estensione ampia del coinvolgimento di componenti diversi del sistema scuola ed extra-scuola. A ciò va aggiunta l’apertura al territorio sia in termini di integrazione di risorse logistiche ed umane, che di scambio culturale.

L’aspetto che, tuttavia, è opportuno sottolineare è l’innovazione digitale che è stata il tessuto portante, la trama su cui si sono inserite le diverse espressioni creative ed artistiche; l’approccio didattico con il ricorso al digitale è riuscito a portare avanti esperienze di coinvolgimento degli allievi in modo attivo e costruttivo.

Il digitale dunque non come fine ma come volano, che ha permesso di ottenere performance e livelli di esibizione tali quali abbiamo riscontrato in MUSICAA. Poiché il progetto ha coinvolto tutto l’istituto con ordini di scuola diversi, nelle varie fasce di età c’è stato un utilizzo diversificato di metodologie ed il ricorso a tecnologie specifiche.

Ma anche nelle diverse fasi di realizzazione del progetto il ricorso al digitale ha assunto modalità varie: siamo passati quindi dall’utilizzo del cloud nella fase di progettazione e condivisione di materiali, alla fase didattica vera e propria in cui i vari attori – allievi docenti professionisti – hanno condiviso esperienze diverse: elaborazioni grafiche, video, audio, realizzazione di cortometraggi, presentazioni multimediali web questing; non è mancato il ricorso alle piattaforme come EDMODO o alla G suite FOR EDUCATION per la condivisione, creazione, elaborazione, produzione di materiale didattico e a supporto della performance; infine l’ultima fase è stata quella della documentazione con la produzione di DVD, di gallerie di video e foto sul sito web.

Campobasso, quindi, alla ribalta nazionale con eventi nel campo della formazione, dibattiti e spettacoli, che ha trasformato il capoluogo in un multiforme laboratorio dedicato all’innovazione digitale. Studenti provenienti da diverse regioni d’Italia hanno avuto la possibilità di presentare i propri progetti innovativi per un vero e sano confronto sulla scuola del domani.

All’interno di #FuturaCampobasso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha promosso il Premio Scuola Digitale 2018, una competizione tra istituzioni scolastiche attraverso il coinvolgimento attivo degli studenti e delle studentesse in relazione a progetti di innovazione digitale. L’Istituto Comprensivo si è reso, quindi, interprete e protagonista con il progetto M. U. S. I. C. A. A., che, realizzato nello scorso anno, ha visto coinvolta tutta la comunità scolastica (il dirigente scolastico, i docenti, il personale ATA, studentesse, studenti, famiglie) con la collaborazione di vari professionisti, artisti e musicisti, il cui ruolo è stato quello di stimolare e motivare i soggetti coinvolti nell’apprendimento ad utilizzare proficuamente forme di linguaggio alternativo sapientemente veicolate dall’innovazione digitale.

Grande soddisfazione per il riconoscimento ottenuto viene espressa dal Dirigente Scolastico, Dott.ssa Carla QUARANTA, che ringrazia e si complimenta con l’ideatore del progetto, Prof. Roberto Napoletano, con i docenti, gli alunni, il personale ATA, gli artisti, le Associazioni del territorio e tutto il personale coinvolto, sottolineando il valore altamente innovativo dell’iniziativa, che ha incantato ed emozionato gli spettatori rappresentando in maniera pregiata ed originale cento anni di storia d’Italia.