In riferimento alla nota stampa inviata dall’’Associazione Assoporto, è opportuno precisare alcuni aspetti riguardanti le procedure legate alla realizzazione dell’intervento.

Le risorse finanziarie per l’attuazione dei lavori di dragaggio ammontano a 3.200.000,00 di euro e derivano dalla riprogrammazione che la Regione ha effettuato sul Programma Attuativo Regionale – Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007/2013, inserendo questo intervento tra quelli prioritari.

La Regione Molise, successivamente, ha predisposto, nel novembre 2015, il Progetto Preliminare dei lavori di dragaggio dei fondali portuali del porto di Termoli, sulla base del quale è stata indetta la gara per l’affidamento della Progettazione esecutiva e della esecuzione dei lavori. In seguito all’espletamento della gara, poi,  la Regione Molise ha aggiudicato, nel gennaio 2017, la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori in questione all’Impresa “La Dragaggi” S.r.l., per l’importo complessivo di Euro 2.481.968,34.

Immediatamente dopo l’aggiudicazione, però, sono stati inoltrati due ricorsi al TAR da parte di altrettante aziende partecipanti al bando, riproposti anche in secondo grado in Consiglio di Stato, ma che si sono risolti favorevolmente per la Regione Molise, solamente la scorsa settimana. È opportuno, inoltre, precisare che l’adeguamento al DM 173/2016, ha generato dei rallentamenti rispetto alla progettazione già in corso,  che si è dovuta adeguare alle modifiche in materia di caratterizzazione dei sedimenti dragati in ambiente marino.

Tale modifica normativa non poteva non essere recepita dal redigendo Progetto esecutivo per il quale è stato quindi necessario effettuare, a partire dall’ottobre 2017, una campagna di monitoraggio ambientale delle sabbie da dragare che ha condotto ad una nuova caratterizzazione dei materiali.  Tali due significative evenienze, in nessun modo prevedibili all’epoca del bando, hanno purtroppo determinato un dilungarsi dei tempi di attuazione dell’intervento.

Comunque, possiamo rassicurare le imprese e gli operatori portuali che i lavori sono di imminente avvio, con l’auspicio che un’opera strategica su cui abbiamo deciso di investire, vedrà la luce nei tempi previsti e permetterà a chi lavora ogni giorno in  quella infrastruttura di beneficiarne a pieno.