Nel corso del Consiglio comunale di ieri 22 dicembre, la Capogruppo del Partito Democratico a Palazzo Ducale, Alice Vitiello, ha chiesto di dare immediata esecuzione al provvedimento, approvato dal Consiglio regionale su proposta del Pd, che destina risorse per il pagamento dei fitti di studenti universitari fuori sede.

Il Consiglio regionale a riguardo ha istituito uno specifico Fondo di riferimento con l’obiettivo di sostenere le famiglie molisane che vivono in difficoltà economiche dovute alla perdita o all’interruzione del lavoro e che comunque hanno dovuto pagare l’affitto delle case ai loro figli, studenti fuori sede.

“Bene ha fatto il Consiglio regionale – ha dichiarato la consigliera ed ex assessore alle politiche sociali Vitiello – a dare seguito alla proposta del Partito Democratico, comprendendone l’importanza e la validita’. Chiedo per questo di dare, in tempi brevi, attuazione alla procedura di evidenza pubblica”.

Sullo stesso punto la capogruppo del PD Vitiello ha chiesto inoltre alla Giunta e al Sindaco “di aumentare con fondi ordinari del Comune il budget attualmente disponibile, pari a circa 5mila euro, fino a raddoppiarlo, tenendo in maggior considerazione le famiglie con Isee più basso”. A riguardo il Primo cittadino Puchetti ha assunto l’impegno a destinare anche più del doppio del budget previsto.

Tra gli argomenti affrontati dalla consigliera comunale Vitiello rientra anche quello riguardante l’assegnazione dei contributi per il sostegno al pagamento delle utenze e/o canoni di locazione delle abitazioni di residenza in favore dei nuclei familiari penalizzati dall’emergenza economica in atto.

Anche su questo specifico punto Alice Vitiello ha chiesto di dare immediata attuazione alla misura finanziata nell’ambito del “Fondo regionale di solidarietà Covid-19”. “Oggi più che mai – ha concluso Vitiello – la priorità deve essere il sostegno alle persone che vivono in una situazione di emergenza sociale, economica e sanitaria senza precedenti, rispetto alla quale la politica non può e non deve restare indifferente”.