Le lampadine per auto rappresentano parte integrante dei dispositivi di sicurezza di cui un automobilista dispone. La loro corretta funzionalità è infatti importante in condizioni di scarsa visibilità, come nelle ore notturne o in caso di maltempo. Tuttavia può capitare che si rompano o vadano incontro a qualche danno che ne implica la sostituzione. Quando si verificano tali evenienze, può non essere semplice orientarsi nella scelta di una nuova lampadina. Di seguito verranno fornite alcune indicazioni.

Lampadine per auto: le tipologie

Esistono tre tipi di lampadine per auto, che si distinguono per prestazioni, durata e prezzo. Le lampade alogene, nonostante siano sempre meno usate, si trovano ancora su molte auto in circolazione. Emettono una luce gialla abbastanza forte e sono le più economiche, ma anche quelle che godono di un ciclo di vita più breve.

Molto diversa è la luce emessa dalle lampadine a Led, che appare bianca tendente all’azzurro e molto potente. È anche quella che richiede meno energia per funzionare. Infine, le lampadine xenon sono la tecnologia che probabilmente sarà destinata a prendere il sopravvento sulle altre. Anche in questo caso parliamo di una luce bianca, generata da un gas che viene riscaldato a temperature molto elevate.

Illustrazione tratta da autoparti.it

Scegliere le lampadine per la propria auto

Può capitare che una lampadina si brucia, specialmente sulle vetture che consumano di più. Una delle cause più comuni è l’esposizione a picchi di tensione, come quelli che si verificano quando si accendono i fari prima di avviare l’auto. Inoltre, i filamenti contenuti nei bulbi possono andare incontro a danni, ad esempio dovuti al ripetuto gesto di chiudere sportelli e bagagliaio con troppa energia. Per allungare la vita a una lampadina, si possono evitare questi comportamenti, ma occorre comunque tenere presente che si tratta di un dispositivo che non avrà durata eterna.

Bisogna allora prestare attenzione alle indicazioni riportate sulla confezione, che possono aiutare l’automobilista a capire se il prodotto che ha in mano è quello che sta cercando. La scelta dipende dalle proprie esigenze: alcuni preferiscono prodotti più economici, mentre altri puntano al risparmio nel tempo, scegliendo lampadine più costose ma che durino più a lungo. Inoltre, bisogna considerare le caratteristiche cromatiche, la profondità del fascio luminoso e la durata delle prestazioni nel tempo, oltre a valutare bene il tipo di attacco che deve essere compatibile con quello presente sulla propria auto.

Sostituire le lampadine

L’operazione di sostituzione può essere, in certi casi, eseguita in autonomia. Nel caso di fari allo xeno, invece, deve obbligatoriamente essere effettuata da un esperto, dal momento che l’intervento può comportare dei pericoli molto seri.

I le lampadine alogene e i Led, invece, si possono sostituire come delle normali lampadine, prestando attenzione alla particolare tipologia di attacco. Lo stesso non vale, tuttavia, per i Led di ultima generazione, che richiedono la sostituzione dell’intero componente, per la quale ci si deve necessariamente rivolgere a un’officina.

Articolo precedenteCln Cus Molise, Carlo De Nisco si unisce al gruppo rossoblù. “Non vedo l’ora di cominciare”
Articolo successivoCalcio. La Figc snobba la procedura “Noif” sul Campobasso