di Redazione

Dopo il debutto in Spagna dello scorso gennaio, la ciclista molisana del K2 Women Team è pronta ad inaugurare la stagione delle corse italiane con il Trofeo Oro in Euro domenica 3 marzo.

Ventuno anni e già tanta esperienza sulle spalle, Noemi Lucrezia Eremita è l’unica ciclista professionista del Molise ed è orgogliosa di rappresentare la sua terra. In sella da quando aveva 6 anni ha attraversato tutte le categorie seguendo le orme del fratello maggiore Michele che l’ha fatta avvicinare allo sport delle due ruote. Noemi ha mosso i primi passi alla Garofali Mobili di Termoli e passata esordiente ha iniziato la sua avventura spostandosi in tutta Italia. Da allieva ha corso nel pescarese Team Di Federico e da Junior nella squadra veneta Ciclismo Insieme facendo non pochi sacrifici. Nonostante le lunghe trasferte Noemi non ha mai lasciato il Molise, anzi con orgoglio ha sempre portato avanti le sue origini. Passata professionista nel 2021 con Il Team Isolmant Premac Vittoria, a soli 19 anni  ha avuto la possibilità di correre e concludere il Giro d’Italia femminile accumulando un’esperienza fondamentale che solo poche ragazze al primo anno da professioniste possono fare. A metà del 2023 è passata al team Piemontese Gb Junior Team, da quest’anno diventato K2 Women Team, squadra che ha come team Manager Massimo Ruffilli e direttore sportivo Enrico Giuliani.  Durante la sua giovane carriera Noemi ha già ottenuto diverse convocazioni in Nazionale nella categoria junior e ha già concluso tre Giri d’Italia sempre ritagliandosi dei ruoli da protagonista. E’ un’ attaccante nata, dotata di grinta e di esplosività, può vantare esperienze anche in corse internazionali. Noemi viaggia tanto, ma porta sempre nel cuore il suo Molise, risiede nel piccolo comune di Santa Croce di Magliano in provincia di Campobasso insieme al fratello Michele, alla Mamma e al papà Antonio suo tifoso numero uno e membro attivo del K2 Women Team. Grazie al territorio variegato, l’atleta molisana può allenarsi su ogni tipo di terreno, ma soprattutto su strade poco battute. Ad oggi è l’unica ciclista professionista molisana e con orgoglio porta i colori e le tradizioni della sua terra in squadra e in tutte le corse a cui prende parte.  Dopo un training camp a Calpe ad inizio gennaio, la stagione per Eremita è iniziata in Spagna con il trittico di gare incluse nella Challenge Mallorca. In particolar modo durante il Trofeo Palma Feminina, si è fatta notare con un bell’attacco da lontano. Dopo un periodo di intensi allenamenti, Noemi è pronta a tornare alle corse il prossimo 3 marzo con il Trofeo Oro in Euro a Montignoso in provincia di Massa e Carrara, corsa che rappresenta il suo esordio nel calendario italiano 2024. Di seguito le dichiarazioni di Noemi Lucrezia Eremita«Mi sono preparata a fondo per la stagione 2024, ho fatto un buon inverno ed ho intensificato gli allenamenti. Il mio approccio al ciclismo è completamente cambiato quando nel giugno 2023 sono arrivata al K2 Women Team, finalmente ho trovato un ambiente sereno dove posso dimostrare quanto valgo. Io sono letteralmente innamorata del ciclismo sin da quando all’età di cinque anni ho voluto salire in bici, ho iniziato dalla categoria G1 e non mi sono più fermata. In Spagna ad inizio gennaio abbiamo fatto un ritiro molto intenso che mi ha permesso di conoscere le nuove arrivate in squadra ed affinare la preparazione, le tre prove del circuito di Mallorca sono state un bel banco di prova. In questo periodo senza gare mi sto allenando molto sulle strade di casa, nonostante in Molise il ciclismo sia poco praticato, penso che sia una delle regioni con più possibilità per le due rute, si può lavorare in salita ma anche in pianura. Sono orgogliosa della mia regione di provenienza e ovunque vado ne porto un pezzo con me. Sulle strade di casa tutti mi conoscono come “Noemi la ciclista” mentre in gruppo sono la ragazza del Molise, spero che sempre più persone pratichino questo sport. Il trofeo Oro in Euro segna il mio debutto stagionale alle corse Italiane, mi sono allenata bene e sono pronta a giocarmi le mie carte». 

Articolo precedenteConsigliere Romano: la massima aspirazione del Governo regionale è tirare a campare…
Articolo successivoLarino. 1 e 2 marzo 2024 al via la due giornate di prevenzione per i disturbi della memoria